Bonus mobili. Innalzata la soglia massima di spesa

Detrazione Irpef del 50% per gli acquisti di mobili e di grandi elettrodomestici nuovi

Mobili

La detrazione Irpef del 50% per gli acquisti di mobili e di grandi elettrodomestici nuovi, destinati all’arredo di immobili oggetto di interventi edilizi, spetta anche per quelli effettuati nel 2021, sempre che l’intervento di ristrutturazione sia iniziato in data non anteriore al 1° gennaio 2020. Il limite complessivo di spesa ammissibile, da riferire, a ciascun immobile, comprensivo di pertinenze, o alla parte comune dell’edificio ristrutturato, sale da 10mila a 16mila euro.

Beneficiari e caratteristiche
La disposizione agevolativa, per la quale la legge di bilancio ha disposto la proroga al 2021, consiste in una detrazione dall’imposta sul reddito delle persone fisiche pari al 50% delle spese sostenute per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici, destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione.
Possono beneficiarne coloro che già fruiscono delle detrazioni per lavori di recupero del patrimonio edilizio (“bonus ristrutturazioni”), con la conseguenza che, se, ad esempio, la ristrutturazione dell’immobile è pagata solo da uno dei due coniugi mentre all’arredo provvede l’altro, nessuno dei due ha diritto al “bonus mobili”.
Per gli acquisti effettuati nel 2021, la detrazione spetta soltanto se l’intervento edilizio è iniziato dopo il 31 dicembre 2019.

Per il 2021, lo sconto Irpef del 50% va calcolato su un importo massimo di 16mila euro (il tetto, fino allo scorso anno, era fissato a 10mila euro), a prescindere dal costo della ristrutturazione, che può quindi essere anche inferiore. Il tetto va riferito, complessivamente, alle spese sostenute per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici e riguarda la singola unità immobiliare, comprensiva delle pertinenze, o la parte comune dell’edificio oggetto di ristrutturazione; pertanto, se si effettuano lavori di ristrutturazione su più immobili, il beneficio spetta più volte. Per gli acquisti fatti nel 2021, riferiti a lavori realizzati nel 2020 oppure iniziati nel 2020 e proseguiti nel 2021, nel limite di 16mila euro bisogna considerare anche le spese sostenute nel 2020 per le quali si è già fruito del bonus.

La detrazione deve essere ripartita tra gli aventi diritto in dieci quote annuali di pari importo e, contrariamente a quanto previsto per il “bonus ristrutturazioni”, non si trasferisce né se il contribuente muore né in caso di cessione dell’immobile oggetto di intervento edilizio. Pertanto, se questo è venduto prima che si sia esaurito il periodo di fruizione della detrazione, le quote non ancora utilizzate potranno essere sfruttate da chi ne aveva acquisito il diritto.

Agevolazioni
La detrazione spetta per l’acquisto di mobili e di elettrodomestici nuovi. Questi ultimi, se si tratta di apparecchiature per le quali è prevista l’etichetta energetica, devono essere di classe non inferiore alla A+ (alla A, in caso di forni e lavasciuga). È agevolato anche l’acquisto di elettrodomestici privi di etichetta, a condizione che per essi non ne sia stato ancora previsto l’obbligo.
Tra i mobili ammissibili rientrano letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, divani, poltrone, credenze, comodini, materassi, apparecchi di illuminazione. Niente bonus, invece, per l’acquisto di porte, pavimentazioni (come il parquet), tende, tendaggi e altri complementi di arredo.
Per quanto riguarda gli elettrodomestici, sono agevolabili frigoriferi, congelatori, lavatrici, lavasciuga, asciugatrici, lavastoviglie, apparecchi per la cottura, stufe elettriche, forni a microonde, piastre riscaldanti elettriche, apparecchi elettrici di riscaldamento, radiatori elettrici, ventilatori elettrici, apparecchi per il condizionamento.
Sono detraibili anche le spese di trasporto e di montaggio dei beni acquistati.

Acquisto dei beni
Per accedere al bonus, la data dell’inizio dei lavori di ristrutturazione deve essere anteriore a quella in cui sono sostenute le spese per l’acquisto dei beni agevolabili. La circostanza può essere dimostrata da eventuali abilitazioni amministrative o comunicazioni richieste dalla legislazione edilizia; nel caso di interventi per i quali non sono previsti titoli abilitativi o comunicazioni, è sufficiente una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà. Invece, se i beni sono destinati a un’unità appartenente a un edificio interamente ristrutturato da un’impresa immobiliare o da una cooperativa edilizia, per data di inizio lavori si intende quella di acquisto o di assegnazione dell’appartamento.
In ogni caso, non è necessario che le spese di ristrutturazione siano sostenute prima di quelle per l’arredo dell’immobile.

Interventi per Bonus Mobili
Costituisce presupposto per fruire della detrazione in esame la realizzazione di interventi edilizi sia su singole unità immobiliari residenziali sia su parti comuni di edifici residenziali, in funzione degli acquisti finalizzati all’arredo, rispettivamente, delle singole abitazioni e delle parti comuni (guardiole, appartamento del portiere, sala per riunioni condominiali, lavatoi, eccetera). Pertanto, i lavori sulle parti comuni non consentono ai singoli condomini di fruire del bonus per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici destinati all’arredo della propria unità immobiliare.

Queste le tipologie di interventi che permettono di accedere anche al “bonus mobili”:

  • manutenzione straordinaria su singoli appartamenti (ad esempio, la realizzazione di servizi igienici, la sostituzione di infissi esterni con modifica di materiale o tipologia di infisso, il rifacimento di scale e rampe, la costruzione di scale interne, l’installazione di ascensori e scale di sicurezza, la sostituzione di tramezzi interni, interventi finalizzati all’utilizzo di fonti rinnovabili di energia, come l’installazione di una stufa a pellet o di impianti dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili, l’installazione o l’integrazione di un impianto di climatizzazione invernale ed estiva a pompa di calore, la sostituzione della caldaia);
  • restauro e risanamento conservativo su singoli appartamenti (ad esempio, l’adeguamento delle altezze dei solai nel rispetto delle volumetrie esistenti);
  • ristrutturazione edilizia su singoli appartamenti (ad esempio, la realizzazione di una mansarda o di un balcone, l’apertura di nuove porte e finestre);
  • ricostruzione o ripristino di un immobile danneggiato da eventi calamitosi, se è stato dichiarato lo stato di emergenza;
  • restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia, riguardanti interi fabbricati, eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare ovvero da cooperative edilizie che entro 18 mesi dal termine dei lavori vendono o assegnano l’immobile;
  • manutenzione ordinaria (ad esempio, la tinteggiatura di pareti e soffitti, la sostituzione di pavimenti o di infissi esterni, il rifacimento di intonaci, la sostituzione di tegole e il rinnovo delle impermeabilizzazioni, la riparazione o sostituzione di cancelli o portoni, la riparazione delle grondaie o delle mura di cinta), manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia su parti comuni di edifici residenziali.

Non danno diritto al “bonus mobili” gli interventi di manutenzione ordinaria su singoli appartamenti, gli interventi finalizzati all’adozione di misure dirette a prevenire il rischio del compimento di atti illeciti da parte di terzi (a meno che non siano anche inquadrabili tra gli interventi di cui all’elenco precedente), la realizzazione di posti auto o box pertinenziali.

Adempimenti
Per usufruire del “bonus mobili”, è richiesto che l’acquisto dei beni agevolabili (incluse le spese di trasporto e montaggio) avvenga con bonifico bancario o postale (non necessariamente quello specifico predisposto da banche e Poste per il “bonus ristrutturazioni” che, tra l’altro, se utilizzato, comporta l’applicazione di una ritenuta d’acconto) oppure con carta di debito o credito; è escluso, pertanto, l’utilizzo di assegni, contanti o altri mezzi di pagamento.
In caso di finanziamento, la società che lo eroga deve attenersi a tali modalità e fornire all’interessato copia della ricevuta del pagamento; in questa ipotesi, la spesa si considera sostenuta nell’anno in cui la finanziaria effettua il pagamento.
Invece, per gli acquisti con carta di credito o di debito, la data di pagamento è rappresentata dal giorno di utilizzo della carta (è riportata nella ricevuta della transazione) e non da quello di addebito sul conto corrente.

Occorre, poi, conservare (ed esibire a richiesta degli uffici):

  • ricevuta del bonifico ovvero, per i pagamenti con carta di credito o debito, ricevuta dell’avvenuta transazione;
  • documentazione di addebito sul conto corrente;
  • fatture (o scontrini), riportanti la natura, qualità e quantità dei beni e servizi acquistati. Se nello scontrino non è indicato il codice fiscale dell’acquirente, il bonus spetta ugualmente qualora il documento contenga le prescritte informazioni sui beni acquistati e sia riconducibile al titolare della carta in base alla corrispondenza con i dati del pagamento (esercente, importo, data e ora).

Infine, è previsto che gli acquisti di elettrodomestici ammessi alla detrazione siano comunicati telematicamente, nei successivi 90 giorni, all’Enea, ossia l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile. Tuttavia, il mancato o tardivo invio della comunicazione non comporta la perdita del diritto al bonus.

26 gennaio 2021
Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Condividi su Whatsapp
Condividi su Google Plus
Condividi via posta elettronica
NEWS CORRELATE
Stop forzato palestre e discoteche, al via le regole di erogazione del Contributo a fondo perduto

E' in attesa di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale il decreto del Mise, di concerto con il Mef, che individua i beneficiari del contributo a fondo perduto previsto dal “Sostegni-bis” a favore dei titolari delle attività che hanno dovuto chiudere obbligatoriamente l’attività per almeno 100 giorni nel periodo tra il 1° gennaio e il 25 luglio 2021 a causa del perdurare dell’emergenza sanitaria e dei provvedimenti adottati con lo scopo di contenere i contagi.

22 settembre 2021
Dalle discoteche alle palestre, al via il contributo per le chiusure

È pronto per la pubblicazione sulla «Gazzetta Ufficiale» il decreto, frutto della collaborazione  tra Mise e Mef, che individua i soggetti beneficiari e le modalità di erogazione del contributo a fondo perduto (Cfp) a valere sulle risorse del Fondo per il sostegno delle attività economiche chiuse, di cui all’articolo 2 del decreto Sostegni bis (Dl 73/2021).

14 settembre 2021
Esonero contributivo INPS. Domanda entro il 30.09.2021

La  Legge di bilancio 2021 ha previsto un esonero parziale, nel limite massimo individuale di 3.000 euro su base annua, dal pagamento dei contributi previdenziali dovuti dai lavoratori autonomi e dai professionisti iscritti alle gestioni previdenziali dell’Inps e dai professionisti iscritti alle Casse private.

8 settembre 2021
Credito d'imposta per investimenti pubblicitari 2021

Attraverso una comunicazione del Dipartimento per l'informazione e l'editoria del 31.8.2021, è stato previsto che la finestra temporale per l'invio della comunicazione telematica per l'accesso al credito d'imposta per investimenti pubblicitari 2021 (art. 57-bis co. 1-quater del DL 50/2017) sia spostata dall'1.10.2021 al 31.10.2021, anziché dall'1.9.2021 al 30.9.2021 come previsto dal DL "Sostegni-bis".

2 settembre 2021
Pos, 100% di bonus sulle commissioni e nuovo credit tax

Dal 1° luglio 2021 è possibile fruire del credito d’imposta del 100% sulle commissioni bancarie relative ai pagamenti tracciabili effettuati decorrere dal 1° luglio 2021 al 30 giugno 2022; nonché di nuovo credito d'imposta per chi nello stesso periodo acquista, noleggia e utilizza strumenti che consentono forme di pagamento elettronico e strumenti evoluti di pagamento.

31 agosto 2021
GreenPass. Le regole valide dal 6 agosto

Il Decreto Legge prevede la proroga fino al 31 dicembre 2021 lo stato di emergenza nazionale, le modalità di utilizzo del Green Pass e i nuovi criteri per la “colorazione” delle Regioni.

23 luglio 2021
Green Pass. Che sia una risorsa e non una discriminazione

Come Confesercenti riteniamo che in questa fase siano necessarie misure coerenti con l’attuale situazione sanitaria; la necessità di ricorrere all’obbligatorietà del Green Pass può essere una “soluzione”, ma all’interno di un provvedimento che non abbia conseguenze discriminanti su coloro che ancora non hanno avuto accesso alla vaccinazione non per scelta ma per una questione di tempo.

22 luglio 2021
Credito d’imposta sanificazione: il modello per la comunicazione

Sono stati definiti i criteri e le modalità di applicazione del nuovo bonus sanificazione riconosciuto per le spese relative ai mesi di giugno, luglio e agosto 2021 destinate alla bonifica degli ambienti e degli strumenti di lavoro e all’acquisto di dispositivi di protezione.

16 luglio 2021
In arrivo la proroga al 15.9 dei termini di versamento per i contribuenti che svolgono attività interessati dagli ISA

La Camera, mediante voto di fiducia, ha approvato il disegno di legge di conversione del DL 73/2021 (c.d. “Sostegni-bis”), all'interno del quale è confermata l’ulteriore proroga al 15 settembre 2021, senza maggiorazione, dei termini di versamento per i contribuenti che svolgono attività interessate dagli ISA, compresi i minimi e i forfetari.

15 luglio 2021
No all’aumento sulle bollette dei rifiuti

E’ stato annunciato dai quotidiani un aumento importante, addirittura del 6,6%, sulla tariffa dei rifiuti; a deciderlo è stata l’assemblea dell’Ato, l’autorità di ambito di Toscana centro, dove ci sono i rappresentanti dei Comuni. Alcuni Amministrazioni Comunali hanno deciso di scaricare gli aumenti interamente sulla Tari; altri, tra i quali Firenze, hanno deciso di farlo solo parzialmente e altri ancora compenseranno con fondi propri tutta la cifra da versare al gestore, cioè Alia, per non incidere sulle bollette a carico di cittadini e imprese.

16 giugno 2021
In vigore il dl Semplificazioni-governance

La prima parte fissa le norme in materia di governance definendo il sistema di coordinamento, gestione, attuazione, monitoraggio e controllo del pnrr; poteri sostitutivi, superamento del dissenso e procedure finanziarie. La seconda parte contiene disposizioni di accelerazione e snellimento delle procedure e di rafforzamento della capacità amministrativa. Sono previste, tra l’altro, procedure speciali per alcuni progetti del pnrr, semplificazioni in materia di affidamento dei contratti pubblici pnrr e pnc, modifiche alla disciplina del subappalto con una nuova soglia che sale dal 40 al 50% e garanzie per i lavoratori impiegati.

3 giugno 2021
Decreto Sostegni bis. Proroga moratoria finanziamenti e prestiti

Il decreto Sostegni BIS, approvato nelle scorse settimane, che introduce misure urgenti connesse all’emergenza da COVID-19, per le imprese, il lavoro, i giovani, la salute e i servizi territoriali, prevede anche importanti interventi sul fronte liquidità e credito.

3 giugno 2021
Sostegni bis, ecco le misure approvate dal Governo

Il Consiglio dei Ministri, giovedì 20 maggio, ha approvato un decreto-legge che introduce misure urgenti connesse all’emergenza da COVID-19, per le imprese, il lavoro, i giovani, la salute e i servizi territoriali, il cosiddetto Sostegni Bis.

22 maggio 2021
Associazione tradizionale o Associazione/Ente del terzo settore?

Dal 2017 il mondo delle associazioni ha subito notevoli modifiche con la Riforma ETS introdotta con il decreto legislativo numero 117 del 2017.

11 maggio 2021
RIPARTIAMO! PRESENTAZIONE DI UN FONDO PER IL SOSTEGNO ALLA FRAGILITA’

Sono tempi complessi quelli che stiamo vivendo da oltre un anno per effetto della pandemia e delle relative restrizioni per le imprese e per le persone; tempi che hanno prodotto un cambiamento epocale nella quotidianità di tutti noi, dagli spostamenti, alla vita sociale, ai consumi. Tempi nei quali sono venute a mancare quelle che si consideravano certezze e la parola che crediamo meglio descriva questo momento sia fragilità.

30 aprile 2021
Ripartiamo in sicurezza. Disciplinare della Camera di Commercio di Firenze

Sono ammissibili alle agevolazioni i soggetti che, alla data di presentazione della domanda, presentino i seguenti requisiti

2 aprile 2021
“Cuore Elettrico": per una nuova e (solidale) mobilità cittadina

Confesercenti Firenze e Toscandia SPA di nuovo insieme per una iniziativa dal duplice scopo: aiutare le famiglie in difficoltà (anche a causa del Covid) e promuovere la causa della mobilità elettrica in città!

23 marzo 2021
Attivazione "servizio RLST". Servizio gratuito per il 2021

L’Ente Bilaterale EBCT-Toscana ha attivato il servizio R.L.S.T. (Rappresentante Lavoratori Sicurezza Territoriale) al fine di semplificare l’assolvimento obbligatorio previsto del D.lgs 81/2008 inerente l’istituzione di questa funzione.

16 febbraio 2021
1971-2021. Confesercenti, da 50 anni insieme alle imprese

Oggi la Confesercenti festeggia il suo Cinquantesimo Compleanno, ricorrenza molto importante a livello nazionale e, in particolare per Confesercenti Firenze, una “comunità” costituita da oltre 10.000 imprese e 5.000 pensionati che, insieme a collaboratori, soci, dipendenti (fra cui 150 della struttura), rappresenta oltre 40.000 persone.

14 febbraio 2021
Bar, ristoranti e palestre. Bloccati gli Isa per l’anno d’imposta 2020

È stato pubblicato sul sito dell’agenzia delle Entrate il provvedimento del 28 gennaio scorso che approva i 175 modelli Isa in vigore per il periodo d'imposta 2020.

4 febbraio 2021
Accordo tra Confesercenti Firenze e Firenze Servizi SCSO. Attività di sanificazione

Firenze Servizi riconoscerà agli associati Confesercenti Firenze un trattamento di favore sull'attività di sanificazione di grandi e piccoli ambienti, chiusi e/o aperti, alimentari, industriali, civili e sanitari.

2 febbraio 2021
Lotteria degli scontrini. Partenza dal 1 febbraio

Il decreto Milleproroghe ha posticipato la partenza della lotteria degli scontrini al 1 febbraio 2021. Come Confesercenti esprimiamo un giudizio negativo sulla lotteria degli scontrini, soprattutto in relazione al momento in cui questa novità viene introdotta; e la proroga all'avvio previsto (inizialmente la data era il 1 gennaio) risulta insufficiente. 

28 gennaio 2021
Superbonus 110%. Vieni in Confesercenti per il visto di conformità!

Il Decreto Rilancio ha incrementato al 110% l'aliquota di detrazione delle spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021, a fronte di specifici interventi in ambito di efficienza energetica. 

25 gennaio 2021
Opportunità per le imprese Accordo tra Confesercenti Firenze e Toscandia

E’ stata stipulata un’importante e strategica convenzione per le imprese tra Confesercenti Firenze e Toscandia, concessionaria di veicoli industriali e commerciali per le seguenti marche: Scania, Volkswagen veicoli commerciali, Nissan, Isuzu e Giotti Victoria.

20 gennaio 2021
Qcard: la prima carta fidelity per lo shopping nei quartieri della città!

Viene distribuita ai clienti più' fidelizzati dall'operatore che aderisce al progetto compilando la relativa domanda di adesione con indicazione del singolo e intera gamma dei prodotti in promozione.

15 gennaio 2021
Bonus pubblicità. Due anni di proroga per il credito d'imposta al 50%

La Legge di Bilancio 2021 ha prorogato per il 2021 e 2022 una serie di misure di sostegno per il settore editoriale

8 gennaio 2021
DVR aziendale. Attenzione e verifica

Trascorso il periodo delle riaperture, e dopo aver analizzato il rischio biologico da Covid-19 e integrato il proprio DVR con i protocolli anticontagio, questa è l’occasione di controllare il DVR aziendale e verificare

19 giugno 2020
Finanziamenti COVID – 19. Sei soffocato dalla burocrazia? Fatti aiutare dagli esperti!!

Confesercenti lavora da sempre al fianco delle imprese per assisterle nell’accesso al credito. Negli ultimi anni abbiamo sviluppato una grande esperienza nella gestione delle procedure per accedere alle garanzie del Fondo Centrale di Garanzia PMI.

8 maggio 2020
Vuoi effettuare una sanificazione professionale della tua attività? Contatta Confesercenti Firenze

L’ordinanza n.38 del 18 Aprile 2020 firmata dal Presidente della regione Toscana Enrico Rossi  ha introdotto nuove prescrizioni per le attività economiche già aperte, per quelle autorizzate alla riapertura e per quelle che nel frattempo, in deroga ai codici ATECO autorizzati, hanno riaperto con il via libera della prefettura.

24 aprile 2020
  • Confesercenti Nazionale
  • Confesercenti Toscana
  • Cescot Firenze
  • Fondazione sviluppo urbano
  • Ebct
  • ConfesercentiLab
  • Sistema Gestione Urbana
  • Italia Comfidi
  • Regione Toscana
  • Città Metropolitana di Firenze
  • Comune di Firenze
  • Camera di Commercio

Confesercenti Firenze - piazza Pier Vettori, 8/10 Firenze
Tel.: +39 055 27051 - Fax: +39 055 224096 - C.F. 80023990486

Sito conforme agli standard W3C (World Wide Web Consortium)

Valid XHTML 1.0 Transitional