Canone Rai speciale. Importi e modalità per dare disdetta

Importi e come dare disdetta abbonamento tv

Tv

Il Canone RAI Speciale 2018 è un’imposta che aziende, imprese, esercizi commerciali devono pagare qualora detengano nei loro locali uno o più apparecchi atti o adattabili alla ricezione delle trasmissioni radio tv.

Pertanto, per ogni sede di azienda, impresa o società in cui siano presenti i suddetti parecchi, va stipulato un diverso contratto di canone speciale.

Vediamo quindi cos’è e come funziona e chi deve pagare il canone RAI speciale, per quali tipi di apparecchiature è dovuta l’imposta annuale di abbonamento tv, gli importi 2017 dovuti da alberghi da 5 a 1 stella , pensioni, villaggi turistici, campeggi, esercizi pubblici prima e seconda categoria, di lusso, navi, banche e gli importi speciali alla radio, come fare per dedurre dal reddito di imprese i suddetti costi e come da disdetta Canone Rai speciale 2018.

 

Canone Rai speciale: cos’è e come funziona?

Che cos'è il canone RAI speciale? Il Canone Rai speciale è un’imposta annuale strettamente personale che ogni impresa è tenuta a versare se all’interno dei propri locali, sono presenti apparecchi atti o adattabili alla ricezione delle trasmissioni televisive.

Sebbene, la Le Legge di Stabilità 2016 abbia introdotto una nuova normativa e nuovi metodi di riscossione del canone RAI in bolletta per i privati, nulla è cambiato per quello speciale.

Pertanto, anche per l’anno 2018le imprese devono continuare ad applicare il canone di abbonamento tv nello stesso modo degli anni precedenti, e ricordando che:

  • in base a quanto stabilito dal R.D.L.21/02/1938 n.246, ciascuna sede deve stipulare un proprio contratto di abbonamento, è il caso ad esempio delle catene alberghiere o delle filiali di una banca.
  • che in caso di vendita o cessazione degli apparecchi o dell’attività, il titolare dell’abbonamento del Canone speciale è obbligato a comunicare la disdetta secondo le istruzioni stabilite dal R.D.L.21/02/1938 n.246 e dal D.L.C.P.S.31/12/1947 n.1542 


Canone Rai speciale 2018: aziende imprese risotranti bar hotel negozi

Il canone RAI speciale 2018 deve essere pagato da:

imprese;

Aziende;

Società;

Ditte;

Esercizi commerciali, esercizi pubblici di prima e seconda categoria, di lusso;

Bar, ristoranti, pub;

Alberghi, hotel, pensioni, villaggi turistici, navi di lusso, campeggi, B&b, navi da crociera ecc

Banche,

che possiedono uno o più parecchi atti o adattabili alla ricezione delle trasmissioni radio tv, installati all’interno o all’esterno dei propri locali aperti al pubblico, o comunque fuori dall’ambito familiare, ed è comunque dovuto da chi impiega i suddetti apparecchi a scopo di lucro diretto o indiretto.

Canone Rai speciale 2018 su quali apparecchi si paga l’imposta?

Apparecchi su cui si paga il canone RAI speciale 2018: Il canone Rai speciale 2018 si paga solo su determinati apparecchi tecnologici che, siano in grado di ricevere e trasmettere trasmissioni televisive.

A tale proposito, il MISE con la nota del 22 febbraio 2012 è andato a chiarire e specificare meglio cosa si debba intendere per “apparecchi atti o adattabili alla ricezione delle radioaudizione" ai fini di applicazione e pagamento del canone RAI.

Nel dettaglio, gli apparecchi che danno origine all’imposta e quindi all’obbligo di pagare annualmente il canone Rai sono quelli dotati di sintonizzatore per la ricezione del segnale, satellitare o terrestre, di radiodiffusione da parte di un’antenna radiotelevisiva. Pertanto sulla base della tabella fissata dal Ministero, gli apparecchi atti o adattabili alla ricezione, e per i quali si deve pagare il canone Rai sono:

  • Apparecchi atti alla ricezione delle radiodiffusione: televisori fissi, portatili e mobili, radio fissi, portatili o mobili, riproduttori multimediali come ad esempio lettore MP3 con radio integrata, cellulari con ricevitore radio tv integrata come ad esempio i cellulari DVB-H.
  • Apparecchi adattabili: videoregistratori dotati di sintonizzatore tv; chiavette USB con sintonizzatore radio tv; Scheda pc con sintonizzatore; Decoder tv digitale terrestre; ricevitore radio tv satellitare e digitale terrestre; riproduttore multimediale dotato di ricevitore radio tv senza trasduttori.
  • Apparecchi non atti o non adattabili per i quali il canone RAI non è dovuto, e sui quali quindi non si paga l’abbonamento sono: PC senza sintonizzatore tv; monitor pc; casse acustiche e videocitofoni, smartphone senza tv. Pertanto, sui personal computer e smartphone, anche se collegati ad internet, se non utilizzano il segnale terrestre o satellitare, sono esclusi dal pagamento del canone tv.

Canone RAI 2018 scadenza, sanzioni e come dare disdetta:

Scadenza canone RAI speciale 2018: i termini per pagare il canone speciale sono:

  • entro il 31 gennaio se in un'unica soluzione;
  • entro il 31 gennaio e 31 luglio se semestrale;
  • entro il 31 gennaio, 30 aprile, 31 luglio e 31 ottobre se il pagamento avviene in rate trimestrali.

Come si paga il canone speciale? Le imprese, le società, gli esercizi commerciali, alberghi, hotel ecc possono versare l'importo canone RAI speciale 2018 con:

  • bollettino postale: sul c/c postale 2105 inviato dalla RAI o, in mancanza, richiesto alla sede regionale della RAI competente per territorio;
  • domiciliazione bancaria solo per pagamenti in un'unica soluzione e previa richiesta e invio degli appositi moduli alla RAI.

Mancato pagamento canone Rai speciale sanzioni: il mancato, tardivo o insufficiente versamento del canone, comporta per il titolare dell'abbonamento, il pagamento del canone omesso + gli interessi legali, che nel 2017 sono pari allo 0,1% + spese per l'eventuale riscossione da parte dell'Amministrazione Finanziaria.

Inoltre, qualora la violazione sia accertata dalla Guardia di Finanza, la sanzione varia da un minimo di 103,29 euro e 516,45 euro.

Disdetta canone speciale: coloro che cedono gli apparecchi tv o l'attività, sono tenuti a dare disdetta canone RAI speciale tramite raccomandata A/R, da spedire alla sede regionale Rai competente per territorio, per mezzo di una raccomandata A/R. Si ricorda inoltre che non è più possibile dare disdetta abbonamento RAi per suggellamento tv.

Canone RAI speciale importi:

Canone RAI speciale importi:

  • Alberghi 5 stelle e 5 stelle lusso con n° camere pari o superiori a 100: Canone rai + IVA 6789,40 euro importo annuale in un’unica soluzione; 3.463,98 euro per i pagamenti semestrali; euro 1.801,28 per il trimestrale.
  • Alberghi 5 stelle con n° camere pari o inferiori a 100 ma superiori a 25, residence, hotel, villaggi turistici, campeggi a 4 stelle, esercizi pubblici di lusso e navi lusso: euro 2.036,83 annuale, euro 1039,20 euro semestrale, euro 540,38 euro se pagato in 3 mesi.
  • Alberghi 5 stelle con meno di 25 camere, alberghi 4 e 3 stelle, pensioni 3 stelle con più di 10 televisioni, residence e villaggi 3 stelle, esercizi pubblici di prima e seconda categoria, e filiali banche: euro 1.018,40 importo annuale, euro 519,58 se semestrale, euro 270,18 se il pagamento avviene trimestralmente.
  • Alberghi 4 3 stelle e pensioni 3 stelle come meno di 10 televisori, alberghi, pensioni, locande residence, villaggi a 2 stelle, campeggi 2 e 1 stella, affittacamere, esercizi pubblici di terza e quarta categoria, navi, aerei servizio pubblico, ospedali, cliniche e case di cura, uffici:
  • euro 407,35 euro all’anno, euro 2017,82 per i pagamenti semestrali ed euro 108,07 per quelli trimestrali.
  • Struttura come alberghi, motel ecc con meno di 1 televisore, associazioni, sedi di partito, istituti religiosi, studi professionali, negozi, mense aziendali, scuole e istituti scolastici non esenti dal canone Rai speciale: euro 203,70 importo annuale, euro 103,93 semestrale, euro 54,03 trimestrale.
  • Importi dei canoni speciali RADIO + IVA: euro 29,94 annuale, euro 15,28 semestrale, euro 7,95 trimestrale.

Gl importi indicati devono essere ancora aggiornati al 2018.

 

Importi tassa concessione governativa:

Oltre all'importo del canone RAI speciale 2018, chi possiede apparecchiature radiotelevisive, è soggetto anche al pagamento della tassa di concessione governativa annuale, ad esclusione degli alberghi, esercizi pubblici, ONLUS e le ASD.

Ogni anno pertanto, il titolare dell'abbonamento deve effettuare anche il versamento delle tasse di concessione governativa, attraverso un bollettino postale.

  • I dati per compilare il bccp, sono:  c/c postale 8003, da intestare all'Agenzia delle Entrate - Centro Operativo di Pescara, nella causale indicare Tasse Concessioni Governative e codice tariffa 7616 presente nel libretto iscrizione alle radiodiffusioni detenzione apparecchi per la ricezione e diffusione tv.
  • Tassa concessione governativa importi: Radio 0,70 euro e TV 4,13 euro;
  • Per le navi: radio euro 20,00 e tv a colori 236 euro, se in bianco e nero 34 euro.

Fonte: GuidaFisco

4 gennaio 2018
Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Condividi su Whatsapp
Condividi su Google Plus
Condividi via posta elettronica
NEWS CORRELATE
Fatture di acquisto. Ridotti i tempi per detrarre l’IVA

Con il D.L. “Fiscale” 2017 sono stati modificati i termini per esercitare il diritto alla detrazione dell’IVA  sulle fatture di acquisto. Con la modifica sono stati ridotti i tempi, ed è necessario porre particolare attenzione nel momento in cui si ricevono le fatture relative all’anno precedente. 

8 febbraio 2018
Settimana Nazionale della Prevenzione Oncologica 2018 LILT

Una iniziativa che la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori (LILT), Ente pubblico che opera sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica, realizzerà in occasione della campagna nazionale che sarà promossa nel mese di marzo in tutto il Paese

24 gennaio 2018
Ue, stop a costi extra sui pagamenti con carte di credito

Le nuove norme rafforzano anche i diritti dei consumatori: in caso di furto o frodi con carte o bancomat, il cliente fino ad oggi era tenuto a pagare 150 euro per operazioni che non riconosceva, effettuate prima della sua denuncia. Ora la sua responsabilità scende a 50 euro 

24 gennaio 2018
Confesercenti Firenze: da sempre a sostegno della piccola e media impresa

Confesercenti Metropolitana di Firenze rappresenta e tutela le attività imprenditoriali del territorio, affiancandole con servizi qualificati, in grado di rispondere alle esigenze dell’impresa moderna offrendo nuove opportunità di sviluppo.

24 gennaio 2018
Legge di Bilancio 2018. Le novità per le Partite Iva

La legge di bilancio 2018 contiene numerose disposizioni tributarie riservate alle imprese. Da sottolineare, l’istituzione di diversi nuovi crediti d’imposta.

22 gennaio 2018
Legge di Bilancio 2018. Le novità in tema di lavoro

Il provvedimento, pubblicato sul Supplemento Ordinario n. 62 della Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29 dicembre 2017, tra le varie misure, prevede incentivi per l'assunzione dei giovani, potenziamento dello strumento di ricollocazione per favorire il reinserimento nel mondo del lavoro, obbligo di tracciabilità per il pagamento degli stipendi da parte dei datori di lavoro, 

19 gennaio 2018
'La migliore tazzina di Firenze'. Una iniziativa nata dalla collaborazione tra Confesercenti e La Nazione

A partire da lunedì 29 gennaio 2018 il quotidiano LA NAZIONE, in collaborazione con Fiepet/Confesercenti proporranno l’iniziativa “LA MIGLIORE TAZZINA DI FIRENZE”, alla quale spero tu vorrai aderire.

18 gennaio 2018
Etichettatura calzature e prodotti tessili

Un’importante novità, volta a riordinare l’apparato sanzionatorio per la violazione delle normative di derivazione europea in materia di etichettature dei prodotti tessili e delle calzature, novità che è entrata  in vigore lo scorso  4 gennaio 2018.

11 gennaio 2018
Da sempre al fianco della piccola e media impresa. Aderire a Confesercenti conviene

Confesercenti è l’associazione che risulta utile a migliaia di imprese che vogliono rimanere sul mercato, che hanno la volontà di crescere e svilupparsi e, per fare questo, hanno bisogno di informazioni, consulenze specialistiche e un’assistenza continua. 

10 gennaio 2018
Imprese: Aiuti a progetti di efficientamento energetico degli immobili

Eurosportello Confesercenti in collaborazione con la Regione Toscana organizza un evento di promozione del Bando FESR - Aiuti a progetti di efficientamento energetico degli immobili.

9 gennaio 2018
Messa a terra. L’importanza delle verifiche periodiche

L’impianto di messa a terra è la parte dell’impianto elettrico che interviene in caso di guasto ed evita la folgorazione la folgorazione delle persone; per questo motivo è di vitale importanza mantenere efficienti i dispositivi che compongono l’impianto di terra.

8 gennaio 2018
SISTRI, rinvio al 2019

SISTRI, rinvio al 2019. Sopravvive il regime cartaceo e lo stop alle sanzioni , con un emendamento alla legge di Bilancio 2018 il “doppio binario” per il sistema di tracciabilità dei rifiuti è stato prorogato al 31 dicembre 2018.

8 gennaio 2018
Sacchetti a pagamento, il “Day After”

Importante: necessario abilitare registratore di cassa (costo medio 20 Euro)

Necessario un incontro al MISE per valutare attuazione provvedimento

4 gennaio 2018
Voucher digitalizzazione. Nel 2018 opportunità per le micro/piccole/medie imprese

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 258 del 4 novembre scorso l’Avviso del Ministero dello sviluppo economico, concernente la recente adozione e la disponibilità sul portale www.mise.gov.it dell’atteso Decreto Direttoriale 24 ottobre 2017, recante le modalità e i termini per la presentazione delle domande di accesso al previsto contributo in favore di Imprese di Micro, Piccole e Medie dimensioni per la digitalizzazione dei processi aziendali e l'ammodernamento tecnologico.

20 dicembre 2017
Intervento a favore delle imprese della provincia di firenze per l’installazione di impianti di videosorveglianza e/o impianti di allarme antirapina e di sistemi di videoallarme antirapina collegati con le forze dell’ordine

Sono ammissibili le spese sostenute a partire dal 01.01.2017 e fino al 31.12.2017, per l’installazione e/o l’adeguamento di impianti di videosorveglianza e/o impianti di allarme antirapina 

20 dicembre 2017
  • Confesercenti Nazionale
  • Confesercenti Toscana
  • Cescot Firenze
  • Fondazione sviluppo urbano
  • Ebct
  • ConfesercentiLab
  • Sistema Gestione Urbana
  • Italia Comfidi
  • Regione Toscana
  • Città Metropolitana di Firenze
  • Comune di Firenze
  • Camera di Commercio

Confesercenti Firenze - piazza Pier Vettori, 8/10 Firenze
Tel.: +39 055 27051 - Fax: +39 055 224096 - C.F. 80023990486

 

Design by Edimedia Srl

Sito conforme agli standard W3C (World Wide Web Consortium)

Valid XHTML 1.0 Transitional