Carburanti: con lockdown in Toscana – 90%

Un benzinaio guadagna ora 10€ al giorno

Benzinai

Princi (Faib Confesercenti Toscana) e Milighetti (Figisc Confcommercio Toscana): “alla Regione chiediamo un’ordinanza per deroga su orari ed esami sierologici per gestori e dipendenti”

 

Il crollo delle vendite di carburanti, conseguenza diretta del lockdown, sta mettendo in ginocchio i gestori e centinaia, anche in Toscana, sono gli impianti a rischio fallimento. Pur con difficoltà di ogni natura, al momento la distribuzione carburanti è tuttora attiva e garantisce i rifornimenti sia in sola modalità self-service sia in modalità servito. Nel mese di marzo i punti vendita, nella nostra Regione, hanno perso il 90% dei ricavi, nonostante gli accordi firmati con i principali fornitori petroliferi per attenuare il peso che grava sulle gestioni. “La nostra categoria è allo stremo”, spiegano i presidenti regionali Faib-Confesercenti Marco Princi e Figisc-Confcommercio Marino Milighetti, “per questo abbiamo chiesto alla Regione Toscana una deroga alla attuale legislazione che impone l’apertura continuata degli impianti, permettendo ad ogni gestore di potersi gestire autonomamente l’orario in base al flusso registrato in queste settimane di crisi”.

“In questa situazione”, proseguono i presidenti delle due associazioni di categoria, “i costi fissi di gestione, utenze e servizi ed il costo sostenuto per il personale rappresentano un peso economico insopportabile per le gestioni. Basti considerare il fatto che ad ora i nostri impianti hanno un ricavo lordo che potremmo stimare in poco più di 10 €/giorno derivante dai carburanti. Il che significa 300 €/mese. Non credo che riusciremo a continuare a garantire il servizio pubblico ancora per molto”.

In attesa di provvedimenti che vadano nella direzione auspicata dalle organizzazioni, Princi e Milighetti lanciano quindi il loro appello alla Regione Toscana. “Alla Regione, che ben conosce la situazione del settore e che, informalmente, ha riconosciuto la bontà delle nostre richieste, chiediamo non solo che nella prossima ordinanza sia contenuta la deroga sugli orari, ma anche che in tutte le stazioni vengano effettuati gli esami sierologici a titolari e dipendenti”.

21 aprile 2020
Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Condividi su Whatsapp
Condividi su Google Plus
Condividi via posta elettronica
NEWS CORRELATE
Provvedimento di modifica su regole tecniche per memorizzazione elettronica e trasmissione telematica corrispettivi per impianti distribuzione carburante

L' Agenzia delle Entrate ha emanato il 22.04.200, a seguito del confronto con le associazioni di categoria degli operatori di settore, il provvedimento (clicca qui per visualizzarlo) recante “Modifiche al provvedimento n. 106701 del 28 maggio 2018, e successive modificazioni, riguardante le regole tecniche per la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornalieri relativi alle cessioni di benzina o di gasolio destinati ad essere utilizzati come carburanti per motori, in attuazione delle disposizioni di cui all’articolo 2, comma 1-bis, del decreto legislativo 5 agosto 2015 n. 127.”

23 aprile 2020
  • Confesercenti Nazionale
  • Confesercenti Toscana
  • Cescot Firenze
  • Fondazione sviluppo urbano
  • Ebct
  • ConfesercentiLab
  • Sistema Gestione Urbana
  • Italia Comfidi
  • Regione Toscana
  • Città Metropolitana di Firenze
  • Comune di Firenze
  • Camera di Commercio

Confesercenti Firenze - piazza Pier Vettori, 8/10 Firenze
Tel.: +39 055 27051 - Fax: +39 055 224096 - C.F. 80023990486

Sito conforme agli standard W3C (World Wide Web Consortium)

Valid XHTML 1.0 Transitional