Comunicazione SIAE – Nuove Tariffe per la pubblica esecuzione musicale per il 2023 Adeguamento all’indice ISTAT

Riduzioni relative al repertorio amministrato

Dalla SIAE ci è giunta un’importante comunicazione in merito alle tariffe per la pubblica esecuzione musicale valide per l’anno 2023.

La Società degli Autori ed Editori ci informa che, tenuto conto del dato dell’incremento ISTAT (+8,6% rispetto a settembre 2021), le tariffe 2023 saranno adeguate nella percentuale dell’8%.

Inoltre, le tariffe base saranno arrotondate – per difetto – allo 0,50 inferiore o all’unità. Tale misura riguarderà i valori di musica d’ambiente ed i compensi minimi e fissi per i trattenimenti.
L’applicazione dell’arrotondamento sarà esclusa però ove, per effetto dell’arrotondamento stesso, si determini una riduzione delle tariffe rispetto a quelle in vigore al 31.12.2022.

Da evidenziare quanto precisato da SIAE in riferimento alle varie tipologie di esecuzioni musicali (compensi per musica d’ambiente, trattenimenti con o senza ballo, dal vivo o con strumento meccanico, musica tematica e di sostegno, musiche di scena, spettacoli di arte varia, illusionismo, recital, carnevali e rievocazioni storiche, compensi in abbonamento, spettacoli cinematografici):
– la nuova tariffa è stata determinata tenendo conto del repertorio amministrato da SIAE (dunque, indirettamente, del dato fattuale che esiste, come ormai è noto, anche un repertorio musicale amministrato da un’altra collecting – LEA/Soundreef). Di conseguenza, sarà prevista da SIAE una riduzione (corrispondente, si desume, ad una “autovalutazione” da parte della Società degli Autori ed Editori del proprio repertorio amministrato e quindi del proprio “peso”), rispetto alle previgenti tariffe, con riferimento ai compensi minimi e fissi, alle percentuali e agli importi di musica d’ambiente.

SIAE continuerà invece ad applicare il calcolo “pro-quota”, secondo le procedure, i termini e le condizioni dalle Condizioni Generali di Permesso pubblicate sul proprio sito, per il solo caso dei concerti di musica classica, leggera, jazz, spettacoli di danza, gruppi corali, bandistici e folclorici, individuati nei generi manifestazione, in caso di contestuale utilizzo di repertorio amministrato da altri soggetti.

Infine, la riduzione del 5%, oggi in vigore per l’utilizzo del programma musicale in formato digitale, sarà applicata al verificarsi delle seguenti condizioni:

- richiesta ed accettazione di permesso tramite il portale organizzatori professionali (POP);

- riconsegna del programma musicale entro i termini di pagamento. La riduzione non sarà riconosciuta: (a) in caso di pagamento oltre i termini, (b) in caso di utilizzazioni per le quali non è prevista la compilazione del Programma Musicale, (c) per le tariffe in abbonamento, (d) per le Feste Private.

27 dicembre 2022
Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Condividi su Whatsapp
Condividi su Google Plus
Condividi via posta elettronica
  • Confesercenti Nazionale
  • Confesercenti Toscana
  • Cescot Firenze
  • Fondazione sviluppo urbano
  • Ebct
  • ConfesercentiLab
  • Sistema Gestione Urbana
  • Italia Comfidi
  • Regione Toscana
  • Città Metropolitana di Firenze
  • Comune di Firenze
  • Camera di Commercio

Confesercenti Firenze - piazza Pier Vettori, 8/10 Firenze
Tel.: +39 055 27051 - Fax: +39 055 224096 - C.F. 80023990486

Sito conforme agli standard W3C (World Wide Web Consortium)

Valid XHTML 1.0 Transitional