Credito di imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le fatture e gli altri documenti relativi all’acquisizione dei beni agevolati devono contenere l’espresso riferimento alle disposizioni del presente articolo

Beni strumentali

Con la Legge di Bilancio 2020 viene introdotto, in sostituzione del cd. superammortamento e iperammortamento, un nuovo credito d’imposta per le spese sostenute a titolo di investimento in beni strumentali nuovi. Il nuovo credito d’imposta è inquadrabile nel progetto di revisione complessiva delle misure fiscali di sostegno del “Piano industria 4.0”.

 

Requisiti soggettivi – Chi può accedere al credito d’imposta

Possono accedere al credito di imposta le imprese, residenti nel territorio dello Stato, ivi incluse le stabili organizzazioni di soggetti non residenti, indipendentemente dalla forma giuridica, dal settore economico di appartenenza, dalla dimensione e dal regime fiscale di determinazione del reddito, che, a decorrere dal 1º gennaio 2020 e fino al 31 dicembre 2020, ovvero entro il 30 giugno 2021 (in tale ultimo caso se entro il 31 dicembre 2020 il relativo ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione) effettuano investimenti in beni strumentali nuovi, destinati a strutture produttive ubicate nel territorio dello Stato.

 

Al contrario, non possono accedere all’agevolazione:

1. le imprese in stato di liquidazione volontaria, fallimento, liquidazione coatta amministrativa, concordato preventivo senza continuità aziendale, altra procedura concorsuale prevista dal R.D. 267/1942, dal Codice della crisi o da altre leggi speciali o che abbiano in corso un procedimento per la dichiarazione di una di tali situazioni;

2. le imprese destinatarie di sanzioni interdittive derivanti dalla violazione delle norme sulla responsabilità amministrativa delle persone giuridiche (articolo 9, comma 2, D.Lgs. 231/2001).

È necessario, inoltre, che vi sia il rispetto della normativa sulla salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, oltre che il corretto adempimento degli obblighi di versamento dei contributi previdenziali e assistenziali.

 

Tipologia beni agevolabili

I beni che danno accesso all’agevolazione sono quelli materiali nuovi strumentali all’esercizio dell’impresa, con l’esclusione dei seguenti:

1. veicoli e altri mezzi di trasporto;

2. beni con coefficienti di ammortamento inferiori al 6,5% e quindi con ammortamento più lungo di 15 esercizi;

3. fabbricati e le costruzioni;

4. beni di cui all'allegato 3 annesso alla L. 208/2015;

5. beni gratuitamente devolvibili delle imprese operanti, in concessione e a tariffa, nei settori dell'energia, dell'acqua, dei trasporti, delle infrastrutture, delle poste, delle telecomunicazioni, della raccolta e depurazione delle acque di scarico e della raccolta e smaltimento rifiuti.

Inoltre, sono agevolabili gli investimenti in beni immateriali nuovi strumentali all'esercizio d'impresa, individuati all'allegato B annesso alla L. 232/2016, come integrato dall'articolo 1, comma 32, L. 205/2017 (beni immateriali – software - funzionali alla trasformazione tecnologica secondo il modello Industria 4.0).

 

Misura del credito

Il credito è riconosciuto in misura differenziata in ragione della tipologia di beni oggetto dell’investimento:

1. investimenti in beni ricompresi nell'allegato A annesso alla L. 232/2016 e in beni materiali funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale delle imprese secondo il modello “Industria 4.0”:

- 40% del costo per la quota di investimenti fino a 2,5 milioni di euro;

- 20% per la quota di investimenti oltre i 2,5 milioni di euro e fino al limite massimo di costi complessivamente ammissibili, pari a 10 milioni di euro.

Per gli investimenti effettuati mediante contratti di locazione finanziaria, si assume il costo sostenuto dal locatore per l'acquisto dei beni;

2. investimenti in beni immateriali (software, sistemi e system integration, piattaforme e applicazioni) connessi a investimenti in beni materiali “Industria 4.0” (ricompresi nell'allegato B annesso alla L. 232/2016 e integrato dalla L. 205/2017): 15% del costo, nel limite massimo di costi ammissibili pari a 700.000 euro.

 

Si considerano agevolabili anche le spese per servizi sostenute in relazione all'utilizzo dei beni di cui al predetto allegato B mediante soluzioni di cloud computing, per la quota imputabile per competenza;

 

3. investimenti in beni diversi da quelli di cui agli allegati A e B: 6% del costo, determinato ai sensi dell'articolo 110, comma 1, lettera b), Tuir e nel limite massimo di 2 milioni di euro. In questo caso il credito è riconosciuto anche per gli investimenti effettuati da esercenti arti e professioni.

 

Utilizzo del credito

Il credito d'imposta può essere utilizzato esclusivamente in compensazione (articolo 17, D.Lgs. 241/1997) in 5 quote annuali di pari importo, ridotte a 3 per gli investimenti in beni immateriali. 

Ai fini di mero monitoraggio, le imprese che si avvalgono dell’agevolazione sono tenute a effettuare una comunicazione, da definirsi con successivo decreto, al Mise.

Il credito non concorre alla formazione del reddito, né della base imponibile Irap e non rileva ai fini del rapporto di deducibilità degli interessi passivi e dei componenti negativi.

È cumulabile con altre agevolazioni che hanno a oggetto i medesimi costi, a condizione che tale cumulo, tenuto conto anche della non concorrenza alla formazione del reddito e della base imponibile Irap, non porti al superamento del costo sostenuto.

 

Successiva cessione dei beni agevolati

In caso di cessione, o di destinazione a strutture non in Italia, dei beni agevolati entro il 31 dicembre del secondo anno successivo a quello di effettuazione dell'investimento, il credito d'imposta è corrispondentemente ridotto escludendo dall'originaria base di calcolo il relativo costo.

 

Controllo e monitoraggio

I soggetti che si avvalgono del credito d'imposta sono tenuti a conservare, pena la revoca del beneficio, la documentazione idonea a dimostrare l'effettivo sostenimento e la corretta determinazione dei costi agevolabili.

A tal fine le fatture e gli altri documenti relativi all’acquisizione dei beni agevolati devono contenere l’espresso riferimento alle disposizioni del presente articolo.

 

Gli Uffici di Confesercenti Firenze sono a disposizione per informazioni e approfondimenti.

16 gennaio 2020
Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Condividi su Whatsapp
Condividi su Google Plus
Condividi via posta elettronica
NEWS CORRELATE
Tutela del centro storico, accordo tra Comune e Regione per la proroga di tre anni al blocco di nuove aperture alimentari e di somministrazione

Rinnovo per altri 3 anni del blocco alle aperture di nuovi esercizi alimentari e di somministrazione in centro storico. È quanto prevedono due delibere sull'intesa tra Comune di Firenze e Regione Toscana, una portata dall'assessore al commercio Federico Gianassi e approvata dalla giunta comunale, e l'altra dell'assessore alle attività produttive Stefano Ciuoffo approvata dalla giunta regionale.

8 aprile 2020
COVID-19 SIAE. Provvedimenti in materia di incasso dei diritti d’autore per musica d’ambiente e pubblica esecuzione

La nostra associazione di categoria ha già posto il tema degli abbonamenti annuali di musica d’ambiente per gli utilizzatori che, a causa della drammatica situazione che sta attraversando il Paese, hanno interrotto l’attività, e la SIAE sta effettuando una valutazione complessiva degli interventi necessari, a quando sarà possibile avere un quadro più chiaro della situazione, sulla base dei provvedimenti che assumerà il Governo in materia di chiusura delle attività.

7 aprile 2020
Emergenza Coronavirus. Ultimi aggiornamenti e info su servizi gratuiti per i soci

Il DPCM dell'1.4.2020 ha prorogato alla data del 13 aprile prossimo tutte le misure adottate, a più riprese nel mese di marzo scorso, per il contenimento del contagio da COVID-19. Ciò significa che tutte le attuali regole inerenti sia le varie disposizioni sanitarie sia la chiusura di numerose tipologie di attività economiche, sono prorogate al 13.4.2020. 

3 aprile 2020
Con Vicinoesicuro uno strumento concreto per supportare i cittadini e le PMI

Si tratta di un'iniziativa gratuita e realizzata da volontari, nata a Reggio Emilia nel giro di poche ore a metà marzo 2020 e che nel giro di pochi giorni si sta diffondendo velocemente sul territorio nazionale: ad oggi oltre 1000 esercenti hanno già aderito su diverse province e migliaia di cittadini utilizzano il servizio.

3 aprile 2020
Enasarco, il Ministero interviene per ripristinare le elezioni

Il Ministero del Lavoro ha intimato al Presidente Costa di ripristinare subito la procedura elettorale recentemente bloccata, riservandosi di valutare eventuali azioni di responsabilità qualora continuasse la condotta omissiva rispetto alla definizione del procedimento elettorale.

2 aprile 2020
Coronavirus e piccola impresa commercio. Crollo fatturato a marzo (- 60% il dato medio; in alcuni settori anche 90% )

Nel mese di marzo, con la tempesta Coronavirus, le piccole imprese commercio, turismo, servizi e ristorazione della Metrocittà di Firenze hanno visto crollare in pochi giorni la loro fatturazione media.

2 aprile 2020
Unione dei Comuni del Mugello. Imposta di Soggiorno

L’Unione dei Comuni del Mugello, anche grazie alla sollecitazione di Assohotel-Confesercenti Firenze tramite il tavolo di crisi presso la Città Metropolitana di Firenze, ha deciso il rinvio degli adempimenti e del versamento dell’imposta di soggiorno.

1 aprile 2020
Cassa integrazione in deroga. Dal 31 marzo è possibile fare le domande alla Regione Toscana

Dal 31 marzo 2020 è possibile inoltrare le domande di Cassa in Deroga in conseguenza dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, per le aziende aventi diritto con unità produttive in Toscana.

1 aprile 2020
INPS. Modalità semplificata di compilazione e invio on line di alcune delle domande di prestazione per l’emergenza Coronavirus

Con messaggio Hermes 1381, Inps ha fornito le istruzioni per l’accesso diretto da parte degli utenti sul portale dell’Istituto per con modalità semplificata di compilazione e invio on line di alcune delle domande di prestazione per l’emergenza Coronavirus.

27 marzo 2020
COVID-19, la diaria Hygeia per gli associati Confesercenti

Per l’attivazione della garanzia è necessario il referto del tampone che attesti la positività al virus COVID-19, rilasciato dalle Autorità competenti su conferma del Ministero della Salute e/o dell’Istituto Superiore di Sanità. In caso di ricovero presso strutture pubbliche individuate per il trattamento del virus dal Ministero, l’Assicurato avrà diritto a un’indennità di € 40,00 per ogni notte di ricovero per un periodo non superiore a 50 giorni all’anno (si specifica che la giornata di ingresso e dimissione costituiscono un’unica giornata ai fini della corresponsione della diaria).

25 marzo 2020
Attività commerciali. Il bonus per il canone di locazione

Gli esercenti delle attività d'impresa dovranno indicare nel modello F24 il codice tributo “6914”, istituito con la risoluzione n. 13/E del 20 marzo 2020; per usufruire del credito d’imposta previsto per l’anno d’imposta 2020, come aiuto economico per contenere le perdite derivanti dalla chiusura forzata di molti negozi a causa del Coronavirus.

24 marzo 2020
Decreto Cura Italia Le misure sul Lavoro

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il decreto-legge 17 marzo 2020 n. 18  recante “misure di potenziamento del servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19”. 

19 marzo 2020
Anche agli agenti di commercio l'indennità di sostegno al reddito di 600 euro

La lettera della Fiarc ha avuto un primo riscontro positivo e immediato da parte del governo Il presidente Marcianò: "Intervento apprezzabile, la categoria non avrebbe capito l'esclusione"

19 marzo 2020
Decreto Cura Italia Covid 19. Misure straordinarie per la tutela della salute e il sostegno dell'economia

Vi ricordiamo che gli Uffici della Confesercenti di Firenze, osservano in questa fase, il seguente orario, dal lunedì al venerdì: dalle ore 8.30 alle ore 13.00. 

18 marzo 2020
Mercafir. Operatività Mercato Agroalimentare a Firenze

I mercati agroalimentari all’ingrosso, svolgono il ruolo di garanti per l’approvvigionamento giornaliero di prodotti ortofrutticoli per tutta la filiera alimentare e su tutto il territorio nazionale.

18 marzo 2020
EBCT – primo stanziamento di 350mila euro a supporto di lavoratori ed imprese del Terziario in Toscana

I rappresentanti della Confesercenti Toscana e delle segreterie regionali di Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs si sono incontrati ed hanno dato mandato ad EBCT - ente bilaterale regionale del terziario, commercio e turismo – di stanziare un primo plafond di 350mila euro da destinarsi a misure per il supporto di lavoratori ed imprese iscritte.

17 marzo 2020
Prosegue il lavoro di #TuscanyTogether con i laboratori digitali per gli operatori turistici

La Toscana guarda al futuro e di fronte alle contingenze attuali dà il via ai “digital labs”.

17 marzo 2020
Decreto #IoRestoaCasa. Domande frequenti sulle misure adottate dal Governo

Le domande frequenti sulle misure adottate dal Governo

14 marzo 2020
Il Presidente Claudio Bianchi scrive a tutti i colleghi

Gli Uffici Confesercenti Firenze sono a disposizione delle imprese per rispondere, in modalità telefonica e per via telematica, a tutte le richieste informazioni che arriveranno

12 marzo 2020
ANVA Firenze: “Anche gli ambulanti in prima linea per la lotta al Coronavirus, ma le istituzioni sostengano la categoria”

In un momento drammatico per il nostro Paese legato al propagarsi del Coronavirus, gli ambulanti sono pienamente concordi che la salute pubblica debba essere garantita come priorità irrinunciabile, ed in questo senso, pur ritenendo che i mercati siano il posto più sicuro dove acquistare rispetto ad altre realtà, siamo disposti fare i giusti e dovuti sacrifici, anche con la chiusura dei mercati; oppure laddove è possibile garantendo un servizio di pubblica utilità mantenendo aperti i banchi alimentari, nel rispetto delle norme di sicurezza interpersonale.

12 marzo 2020
Differimento termini rinnovo abbonamenti Musica d'Ambiente al 17 aprile 2020

Vi informiamo che, in considerazione della grave emergenza sanitaria e delle conseguenti misure adottate dal Governo, è stato disposto un'ulteriore differimento al 17 aprile 2020 del termine per il rinnovo degli abbonamenti per musica d'ambiente su tutto il territorio nazionale.

10 marzo 2020
Agenti di commercio, ordini in picchiata per il Coronavirus. Fiarc-Confesercenti: “Sono necessari interventi urgenti”

Un appello per interventi urgenti a favore degli agenti di commercio: lo lancia la Fiarc, la federazione degli agenti e dei rappresentanti di commercio. “Anche noi - dice Antonino Marcianò, presidente nazionale di Fiarc - stiamo subendo le conseguenze negative dell’emergenza Coronavirus: i taccuini per gli ordini dei colleghi rimangono desolatamente vuoti.

6 marzo 2020
Nuove scadenze per 730 e Certificazione Unica

L’Agenzia delle Entrate comunica le nuove scadenze fiscali fissate dal decreto del Governo per fronteggiare l’emergenza coronavirus (Dl n. 9/2020, pubblicato sulla G.U del 2 marzo). E’ previsto lo slittamento a settembre per la presentazione del 730 e la misura riguarda circa 20,5 milioni di contribuenti. Di questi 8,1 milioni sono pensionati e 12,4 milioni dipendenti. 

4 marzo 2020
Speciale Coronavirus

Tutte le informazioni utili per le imprese.

I provvedimenti approvati dal Governo e dalle Istituzioni Locali, sia di carattere sanitario che di sostegno alle imprese.

Le proposte avanzate da Confesercenti. 

24 febbraio 2020
Inps: 3.850 euro i contributi minimi per i commercianti per il 2020

Per il 2020 il reddito minimale considerato per commercianti e artigiani al fine della contribuzione previdenziale Invalidità vecchiaia e superstiti sale a 15.953 euro. Di conseguenza, poiché i commercianti hanno un’aliquota del 24,09% il contributo minimale per l’anno diventa di 3.850,52 euro

19 febbraio 2020
Fisco: bonus nido fino a 2.500 euro con Isee 25.000/40.000 euro

“Il bonus asili nido nel 2020 per i nuclei  familiari con un Isee minorenni compreso tra 25.001 e 40.000 euro può arrivare fino a 2.500 euro”. Lo rende noto L’Inps in una nota,  spiegando che “spetterà l’importo minimo di 1.500 euro nell’ipotesi di Isee minorenni oltre la soglia di 40.000 euro, ovvero in assenza dell’Isee“.

19 febbraio 2020
Memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei corrispettivi. Regolarizzazione senza sanzioni fino al 30 aprile 2020

L'Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione 6/E/2020, ha fornito chiarimenti con riguardo alla trasmissione telematica dei corrispettivi, per coloro per i quali l’obbligo è entrato in vigore già nel secondo semestre 2019, permettendo a quest’ultimi di provvedere all'eventuale mancato invio dei dati entro e non oltre il 30 aprile 2020.

14 febbraio 2020
Tracciabilità delle detrazioni IRPEF

Per poter ottenere il diritto ad accedere alla detrazione Irpef del 19% sulle varie tipologie di spese previste nell’articolo 15 del Tuir, sarà dunque necessario provvedere al pagamento delle stesse attraverso sistemi tracciabili di pagamento.

10 gennaio 2020
Il Dl Fisco è Legge: la lotteria scontrini slitta al primo luglio 2020

Il decreto fiscale è legge. Il Governo ha incassato la fiducia al Senato con 166 voti favorevoli, 122 voti contrari. Il provvedimento, approvato senza modifiche dopo la prima lettura della Camera, diventa così legge.

19 dicembre 2019
Aderisci a Confesercenti! Per Te, un'importante ed esclusiva copertura sanitaria gratuita!

Mettiamo a disposizione di tutti i soci Confesercenti una vantaggiosa Copertura sanitaria integrativa esclusiva. Un nuovo servizio di grande valore ed un vantaggio reale nella vita di tutti i giorni in termini economici e di qualità del servizio

1 agosto 2019
  • Confesercenti Nazionale
  • Confesercenti Toscana
  • Cescot Firenze
  • Fondazione sviluppo urbano
  • Ebct
  • ConfesercentiLab
  • Sistema Gestione Urbana
  • Italia Comfidi
  • Regione Toscana
  • Città Metropolitana di Firenze
  • Comune di Firenze
  • Camera di Commercio

Confesercenti Firenze - piazza Pier Vettori, 8/10 Firenze
Tel.: +39 055 27051 - Fax: +39 055 224096 - C.F. 80023990486

Sito conforme agli standard W3C (World Wide Web Consortium)

Valid XHTML 1.0 Transitional