Erboristeria Natura Verde: 20 anni tra scienza e tradizione

Alessia Safina, titolare dell’attività “Natura Verde”, esercita l’attività in Via Gioberti a Firenze

Erborista

Alessia Safina, titolare dell’attività “Natura Verde”, esercita l’attività in Via Gioberti a Firenze, una delle assi commerciali più importanti della città di Firenze.

 “Ho iniziato come dipendente – dice Alessia – e dopo qualche anno ho fatto una scelta precisa avviando una mia attività”.

Alessia, diplomata Erborista presso l’Università di Urbino, ha raggiunto il notevole traguardo dei vent’anni di attività, visto che ha iniziato proprio nel 1997.

Nonostante il settore dell’Erboristeria e delle piante medicinali appaia ancora come una “nebulosa” indefinita, alla ricerca di una identità attinente alle esigenze del nostro tempo, l’attività di Alessia ha avuto, negli anni, uno sviluppo lineare, tant’è vero che, da quattro anni, al negozio storico di Via Gioberti, si è affiancata una seconda attività in Borgo La Croce, sempre a Firenze.

“Il secondo punto vendita è stata una scelta strategica, per occupare un posto in una delle strade più interesanti da un punto di vista commerciale. Una scelta fatta in un momento di crisi generale per il mondo del commercio ma che ora inizia a dare i primi risultati utili”.

Nei punti vendita di Alessia permane ancora un’immagine profondamente legata a un uso tradizionale delle piante; fattore, questo, che colloca l’Erboristeria in una posizione diversa rispetto a tutte le altre attività commerciali. Una posizione dovuta principalmente a due fattori: la tipologia dei prodotti venduti, destinati in massima parte a riequilibrare o favorire le funzioni fisiologiche dell’organismo, e la tipologia della stragrande maggioranza dei clienti, che hanno fatto del “naturale”, in senso lato, una vera e propria scelta di vita.

Questi fattori e queste considerazioni sono alla base della discussione parlamentare che, da anni, cerca di trovare una soluzione normativa ai problemi della categoria.

“L’Erborista – sottolinea Alessia – deve essere un professionista in grado di conoscere perfettamente i prodotti che commercializza. L’Erboristeria non è un settore che può essere affidato all’improvvisazione: è necessario che la preparazione e la professionalità siano nelle mani di persone capaci, preparate, in grado di assistere nel miglior modo possibile i clienti e i consumatori”.

E l’esigenza di avere operatori preparati e formati “secondo scienza e coscienza” è, da sempre, un’esigenza primaria del settore. È necessario che per l’Erboristeria siano incentivate le occasioni “serie” di formazione tramite norme chiare. Uno dei motivi di incertezza è sicuramente da ricercare nella mancanza di una legge precisa che definisca compiti e competenze dell’Erborista, che faccia uscire questa professione da uno “stallo” normativo che dura da circa 80 anni, visto che l’unica norma che regola il settore risale al 1931.

I tempi perchè l’Erboristeria diventi una professione sono maturi e la categoria, nonostante tutto, e cresciuta numericamente e culturalmente. Occorre dotarla di strumenti e di percorsi formativi che permettano agli operatori del settore di avere uno sviluppo e una crescita che li porti a superare l’attuale situazione di caos, dominata da una liberalizzazione selvaggia che si afferma a scapito della professionalità e della qualità..

6 dicembre 2017
Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Condividi su Whatsapp
Condividi su Google Plus
Condividi via posta elettronica
NEWS CORRELATE
E’ già Christmas Time!

Non so se ve ne siete accorti ma quest’anno, per il clima inaspettatamente rigido rispetto agli ultimi anni ed anche per “traino”commerciale del “Black Friday”, il clima natalizio è arrivato un po’ prima del solito.

6 dicembre 2017
Manovra finanziaria 2018. Le novità per le imprese

Il disegno di legge sulla stabilità è formato da 120 articoli ed è stato approvato dal Senato il 30 ottobre scorso. Quest’ultimo, insieme al Dl fiscale 148/2018, attualmente in corso di conversione in Parlamento, rappresenta il cuore della manovra relativa ai conti pubblici predisposta dal Governo per il 2018.

6 dicembre 2017
Buoni propositi 2018: partiamo dal fisco facile!

Nel complesso, oltre 2000 pagine di misure fiscali prodotte, con un sistema normativo sempre più    complesso e destinato a mettere perennemente in difficoltà non solo il contribuente ma anche gli stessi addetti ai lavori.

6 dicembre 2017
Impresa 4.0 e Alternanza Scuola-Lavoro. L’incontro tra la Presidenza Confesercenti Firenze e Laura Benedetto Segretario Generale della Camera di Commercio di Firenze

Si è svolta stamani, martedì 24 ottobre,  nell’auditorium della sede Confesercenti Metropolitana di Firenze la riunione della Presidenza che, fra i vari punti, ha affrontato due temi importanti per le piccole e medie imprese: l’Alternanza Scuola-Lavoro e l’Impresa 4.0.

24 ottobre 2017
Intervento della Camera di Commercio in tema di Alternanza Scuola-Lavoro a favore di micro, piccole e medie imprese della provincia di Firenze

Gli interventi ammessi a contributo dovranno essere riconducibili a percorsi individuali di alternanza scuola lavoro (ASL) realizzati presso la sede legale e/o le unità locali dell’impresa richiedente poste in provincia di Firenze e intrapresi da studenti della scuola secondaria superiore di II grado sulla base di convenzioni, in vigore al momento della realizzazione del percorso, tra Istituti scolastici secondari di II grado e soggetti ospitanti e dei conseguenti patti formativi sottoscritti. 

9 ottobre 2017
Pastigliaggi e bibite confezionate. Gli obblighi e adempimenti per rivenditori di tabacchi e giornali

Sono stati chiariti gli obblighi e i relativi adempimenti per i rivenditori di tabacchi e giornali nel caso trattino “pastigliaggi  e bibite confezionate eccetto il latte ”.

11 settembre 2017
Contributi alle imprese colpite da calamità, il 31 agosto si apre il bando

I contributi, concessi sotto forma di finanziamento agevolato assistito da garanzia statale, sono rivolti alle imprese private che operano in tutti i settori di attività ad eccezione di quello agricolo, che non abbiano cessato la propria attività al momento della presentazione della domanda, che abbiano presentato al al Comune di competenza la Scheda “C” di accertamento danni e che abbiano sede legale od operativa nei Comuni interessati dagli eventi calamitosi.

2 agosto 2017
  • Confesercenti Nazionale
  • Confesercenti Toscana
  • Cescot Firenze
  • Fondazione sviluppo urbano
  • Ebct
  • ConfesercentiLab
  • Sistema Gestione Urbana
  • Italia Comfidi
  • Regione Toscana
  • Città Metropolitana di Firenze
  • Comune di Firenze
  • Camera di Commercio

Confesercenti Firenze - piazza Pier Vettori, 8/10 Firenze
Tel.: +39 055 27051 - Fax: +39 055 224096 - C.F. 80023990486

 

Design by Edimedia Srl

Sito conforme agli standard W3C (World Wide Web Consortium)

Valid XHTML 1.0 Transitional