Fisco: nessuna sanzione per acconti Irpef errati dopo il rinvio dell’Iri

Un contribuente, spiega, non può essere sanzionato quando l’errore èscaturito da modifiche normative introdotte successivamente al versamento degli acconti

Agenzia Entrate

“Nessuna sanzione per i contribuenti che, avendo optato già dal 2017 per l’Iri, l’imposta sul reddito d’impresa, hanno versato acconti d’imposta che risultano ora insufficienti, in seguito al differimento dell’applicazione del regime opzionale al periodo d’imposta 2018, previsto dalla legge di Bilancio 2018”.

Ne dà notizia l’Agenzia delle Entrate, precisando che “laddove il versamento degli acconti risulti insufficiente esclusivamente per effetto dello slittamento dell’applicazione dell’IRI al periodo d’imposta 2018, e non anche per altre previsioni rivelatesi errate, non è applicabile la sanzione per carente versamento, in virtù del principio di tutela dell’affidamento e della buona fede del contribuente”.

“In particolare  – spiega il Fisco – come illustra il documento di prassi, il comportamento di un contribuente non può essere sanzionato laddove egli abbia posto in essere comportamenti conformi al tenore letterale della normativa applicabile “ratione temporis”, e l’errore sia scaturito da modifiche normative introdotte successivamente al versamento degli acconti, ma con efficacia retroattiva. Conseguentemente, il contribuente potrà, entro il termine previsto per il versamento del saldo dell’imposta, determinare definitivamente l’imposta dovuta per il 2017, senza l’applicazione né di sanzioni né di interessi, e provvedere alla compilazione dei righi RS148 (“Rideterminazione dell’acconto”) e RN38 (“Acconti”) del modello Redditi PF 2018″.

27 giugno 2018
Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Condividi su Whatsapp
Condividi su Google Plus
Condividi via posta elettronica
NEWS CORRELATE
Fattura Elettronica. Per la gestione della tua contabilità scegli Confesercenti, e prendi solo i vantaggi!

L'offerta che Confesercenti Firenze propone per i servizi fiscali e tributari è estremamente qualificata, studiata appositamente per le esigenze della tua impresa e in sintonia con le innovazioni che verranno introdotte.

6 luglio 2018
Credito d’imposta per le librerie: definite le regole operative

Con la pubblicazione del cosiddetto “Bonus Librerie” sulla Gazzetta Ufficiale n. 130 del 7 giugno 2018, sono state definite le disposizioni attuative del credito d’imposta per le librerie.

28 giugno 2018
Bando su incentivi a fondo perduto: al via l'inserimento della domanda

L’Inail, con comunicato del 19 aprile 2018, ha reso noto che dal 19 aprile 2018 stesso è attiva la procedura per l’assegnazione dei 249.406.358 euro di incentivi a fondo perduto del bando Isi 2017

23 aprile 2018
Legge di Bilancio 2018. Le novità per tutti i contribuenti

Nella legge di bilancio sono tante le disposizioni tributarie di interesse diffuso, che possono riguardare tutte le tipologie di contribuenti. 

23 gennaio 2018
  • Confesercenti Nazionale
  • Confesercenti Toscana
  • Cescot Firenze
  • Fondazione sviluppo urbano
  • Ebct
  • ConfesercentiLab
  • Sistema Gestione Urbana
  • Italia Comfidi
  • Regione Toscana
  • Città Metropolitana di Firenze
  • Comune di Firenze
  • Camera di Commercio

Confesercenti Firenze - piazza Pier Vettori, 8/10 Firenze
Tel.: +39 055 27051 - Fax: +39 055 224096 - C.F. 80023990486

Sito conforme agli standard W3C (World Wide Web Consortium)

Valid XHTML 1.0 Transitional