Green pass nei luoghi di lavoro: prime indicazioni operative e modulistica

Scheda di sintesi delle misure principali previste dal DL 127/2021

Icona Green Pass

E' stato pubblicato sulla G.U. n. 226 del 21 settembre 2021 il D.L. 127, recante misure urgenti per assicurare lo svolgimento in sicurezza del lavoro pubblico e privato mediante l’estensione dell’ambito applicativo della certificazione verde COVID-19.

Molti sono i dubbi interpretativi soprattutto per le aziende sotto i 15 dipendenti. Come Associazione, ci siamo già attivati con il Ministero del Lavoro evidenziando le numerose criticità e sollecitando una circolare esplicativa di chiarimento. Con questa nota forniamo un primissimo “esercizio”, riferito alle diverse comunicazioni in capo ai datori di lavoro che sarà integrato/modificato man mano che perverranno gli auspicati chiarimenti istituzionali. 

Scheda di sintesi delle misure principali previste dal DL 127/2021

Quando entrano in vigore le novità
Dal 15 ottobre 2021 e fino al 31 dicembre 2021 (termine attuale di cessazione dello stato di emergenza).


Quali figure sono interessate

Chiunque svolge attività lavorativa nel settore pubblico e privato, a qualsiasi titolo, anche sulla base di contratti esterni “presso le amministrazioni” o “nei luoghi” di lavoro delle imprese private (ad es. servizio mensa). La norma si estende anche ai lavoratori autonomi anche se resta il dubbio di chi effettua le verifiche anche ai fini sanzionatori (si attendono chiarimenti).


Eccezione
Soggetti esenti dalla campagna vaccinale sulla base di idonea e tassativa certificazione medica con Circolare del Ministero della salute.


Cosa
Obbligo, ai fini dell’accesso ai luoghi di lavoro, di “possedere e di esibire, su richiesta, la certificazione verde COVID-19”.


Datori di lavoro (pubblici e privati)
Sono tenuti a verificare il rispetto delle prescrizioni.
Devono definire, entro il 15 ottobre 2021, le modalità operative per l’organizzazione delle verifiche, “anche a campione, prevedendo prioritariamente, ove possibile, che tali controlli siano effettuati al momento dell’accesso ai luoghi di lavoro, e individuano con atto formale i soggetti incaricati dell’accertamento delle violazioni degli obblighi” di cui al decreto. Riteniamo ragionevolmente che tale obbligo incomba sui datori di lavoro anche in caso di appalto, quindi sui lavoratori doppio controllo appaltante ed ospitante idem per la somministrazione.


Conseguenze del non adempimento
I lavoratori nel caso in cui comunichino di non essere in possesso della certificazione verde al momento dell’accesso al luogo di lavoro, sono considerati assenti ingiustificati fino alla presentazione della predetta certificazione.
Nessuna conseguenza disciplinare.
Diritto alla conservazione del rapporto di lavoro.
Per i giorni di assenza ingiustificata non sono dovuti la retribuzione né altro compenso o emolumento, comunque denominato.


Imprese con meno di 15 dipendenti:
Dopo il quinto giorno di assenza ingiustificata, il datore di lavoro può sospendere il lavoratore per la durata corrispondente a quella del contratto di lavoro stipulato per la sostituzione, comunque per un periodo non superiore a 10 giorni, rinnovabili per una sola volta, entro il limite del 31 dicembre 2021. (Su questo aspetto sono stati posti quesiti al Ministero evidenziando tema/problematica sostituzioni dopo i 20 giorni in quanto la norma come formulata non da spazio a rapporto sostitutivo oltre tale periodo).


Sanzioni lavoratori
Da 600 a 1.500 Euro.
Ferme le conseguenze disciplinari secondo i rispettivi ordinamenti di settore.


Sanzioni datori
Da 400 a 1000 Euro, raddoppiata in caso di reiterazione della violazione.
Ferme le eventuali conseguenze penali.


Prefetto
Le sanzioni sono irrogate dal Prefetto. I soggetti incaricati dell'accertamento e della contestazione delle violazioni devono trasmettere al Prefetto gli atti relativi alla violazione.

 

Per ottenere informazioni e per la documentazione obbligatoria prevista dal Decreto, vi invitiamo a contattare i vostri consulenti Confesercenti di riferimento.

30 settembre 2021
Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Condividi su Whatsapp
Condividi su Google Plus
Condividi via posta elettronica
  • Confesercenti Nazionale
  • Confesercenti Toscana
  • Cescot Firenze
  • Fondazione sviluppo urbano
  • Ebct
  • ConfesercentiLab
  • Sistema Gestione Urbana
  • Italia Comfidi
  • Regione Toscana
  • Città Metropolitana di Firenze
  • Comune di Firenze
  • Camera di Commercio

Confesercenti Firenze - piazza Pier Vettori, 8/10 Firenze
Tel.: +39 055 27051 - Fax: +39 055 224096 - C.F. 80023990486

Sito conforme agli standard W3C (World Wide Web Consortium)

Valid XHTML 1.0 Transitional