Investimenti pubblicitari: a ottobre la prenotazione per il 2019

Anche per il 2019 è possibile prenotare il credito di imposta su investimenti pubblicitari.

Pubblicità

Anche per il 2019 è possibile prenotare il credito di imposta su investimenti pubblicitari.

Lo prevede una modifica all’articolo 57-bis D.L. 50/2017, effettuata ad opera della Legge di conversione 81/2019 del D.L. 59/2019 (cd. “Decreto cultura e sport”), pubblicata nella Gazzetta ufficiale del 12.08.2019.

A partire dal 2019 il credito di imposta sugli investimenti pubblicitari incrementali effettuati da imprese, lavoratori autonomi ed enti non commerciali su quotidiani, periodici ed emittenti televisive e radiofoniche locali, è concesso nella misura unica del 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati; fino al 2018 era prevista un’ulteriore aliquota del 90% per le PMI e start-up.

La comunicazione per accedere al credito è composta di due fasi: una prenotazione preventiva e una dichiarazione a consuntivo. Le prenotazioni riferite all’anno 2019 vanno presentate dal 1° al 31 ottobre mentre, a regime, tale comunicazione dovrebbe essere effettuata nel mese di marzo.

Dall'anno in corso, alla copertura degli oneri si provvede mediante utilizzo delle risorse del Fondo per il pluralismo e l’innovazione dell’informazione, nel limite complessivo determinato annualmente con il D.P.C.M. che stabilisce i criteri per la ripartizione delle risorse del Fondo fra la Presidenza del Consiglio e il Ministero per lo sviluppo economico, per gli interventi di rispettiva competenza. Tale D.P.C.M. deve essere adottato entro il 31 marzo di ciascun anno.

Di seguito le principali caratteristiche dell’agevolazione:

Il credito d’imposta per gli investimenti in campagne pubblicitarie è attribuito nella misura del 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati sulle emittenti radiofoniche e televisive locali, analogiche o digitali, iscritte presso il Registro degli operatori di comunicazione, ovvero su giornali quotidiani e periodici, nazionali e locali, in edizione cartacea o digitale, iscritti presso il competente Tribunale, ovvero presso il menzionato Registro degli operatori di comunicazione, e dotati in ogni caso della figura del direttore responsabile.

Il Dipartimento per l’informazione e l’editoria ha disposto che per accedere al beneficio fiscale occorra un incremento minimo dell’1% rispetto agli analoghi investimenti effettuati nell’anno precedente. Secondo le indicazioni del Dipartimento sono esclusi dalla concessione del credito di imposta, i soggetti che nell'anno precedente a quello per il quale si richiede il beneficio non abbiano effettuato investimenti pubblicitari ammissibili; allo stesso modo, sono esclusi anche coloro che hanno iniziato l’attività nel corso dell’anno per il quale si richiede il beneficio (parere espresso dal Consiglio di Stato sul Regolamento di cui al D.P.C.M. 16.05.2018, n. 90).

Non sono ammesse al credito d’imposta le spese sostenute per altre forme di pubblicità come, ad esempio: grafica pubblicitaria su cartelloni fisici, volantini cartacei periodici, pubblicità su cartellonistica, pubblicità su vetture o apparecchiature, pubblicità mediante affissioni e display, pubblicità su schermi di sale cinematografiche, pubblicità tramite social o piattaforme online, banner pubblicitari su portali online, ecc..

Ai fini della fruizione del credito occorre presentare (nel mese di ottobre 2019) una “Comunicazione per l’accesso al credito d’imposta”, secondo il modello approvato dal Dipartimento per l’informazione e l’editoria in data 31 luglio 2018, indicando i dati degli investimenti effettuati o da effettuare nell’anno 2019; si tratta in sostanza di una sorta di prenotazione del credito. Nessun documento deve essere allegato alla comunicazione telematica, né alle dichiarazioni sostitutive contenute nel modello e rese telematicamente.

I contribuenti che risulteranno presenti nell’elenco pubblicato successivamente sul sito del dipartimento dell’editoria e dell’informazione, potranno utilizzare lo stesso modello, presumibilmente nel mese di gennaio 2020, per comunicare gli investimenti effettivamente sostenuti nell’anno 2019 barrando la casella “Dichiarazione sostitutiva relativa agli investimenti effettuati”.

L’effettivo sostenimento delle spese, ai sensi dell’articolo 109 Tuir (in base al principio di competenza e quindi in base all’ultimazione della prestazione), deve risultare da apposita attestazione rilasciata dai soggetti legittimati a rilasciare il visto di conformità dei dati esposti nelle dichiarazioni dei redditi, ovvero dai soggetti che esercitano la revisione legale dei conti ai sensi dell’articolo 2409-bis cod. civ..

Il richiedente (soggetto beneficiario) è tenuto a conservare, per i controlli successivi e a esibire, su richiesta dell’Amministrazione finanziaria, tutta la documentazione a sostegno della domanda: fatture (ed eventualmente copia dei contratti pubblicitari), attestazione sull’effettuazione delle spese sostenute.

Per l’utilizzo del credito in compensazione, occorre attendere il provvedimento degli ammessi al beneficio con indicazione della percentuale spettante. Con la risoluzione 41/E/2019 è stato istituito il codice tributo “6900” da esporre nella sezione “Erario” del modello F24, compilando il campo “anno di riferimento” con l’anno di concessione del credito.

Il credito d’imposta deve essere, infine, indicato nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta di maturazione e nelle dichiarazioni dei redditi relative ai periodi di imposta successivi, fino a quello nel corso del quale se ne conclude l’utilizzo.

 

Gli Uffici Confesercenti Firenze sono a disposizione per ulteriori informazioni.

11 settembre 2019
Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Condividi su Whatsapp
Condividi su Google Plus
Condividi via posta elettronica
NEWS CORRELATE
Governo Conte bis, la “top ten” delle PMI

Nasce il governo Conte-bis dopo lunghe giornate di trattativa e confronto all’interno della nuova maggioranza giallo-verde.

11 settembre 2019
Corri la Vita! La carica dei 101 (commercianti)

Cresce e si consolida la partnership tra Confesercenti Firenze e "Corri la Vita" la manifestazione nata nel 2003 per aiutare le donne colpite da tumore al seno e che finanzia progetti che riguardano la prevenzione, la diagnosi precoce e la cura di questa malattia.

11 settembre 2019
Fattura elettronica. Termina la moratoria delle sanzioni

L’introduzione dell’obbligo della fattura elettronica è stato ammorbidito con la  previsione di un periodo (sei mesi per i contribuenti trimestrali e nove mesi per i contribuenti mensili) in cui il documento poteva essere emesso in ritardo senza subire sanzioni, a condizione che l’emissione avvenisse entro il termine di liquidazione dell’Iva di periodo.

10 settembre 2019
Tax credit edicole, per le istanze canale aperto dal 1° al 30 settembre

Dal primo settembre possono essere inviate le domande per la richiesta del credito d’imposta relativo all’anno d’imposta 2019, introdotto dall’ultima legge di Bilancio (articolo 1, commi da 806 a 809, legge n. 145/2018), a favore delle edicole.

3 settembre 2019
Bando di Concorso Camera di Commercio di Firenze PREMIO "FIRENZE E IL LAVORO" Anno 2019

“Firenze e il lavoro”: la Camera di Commercio di Firenze, nel quadro delle proprie iniziative istituzionali indice un concorso per l'assegnazione, alle aziende che svolgono attività nel tessuto socio-economico fiorentino, di un premio simbolico, che ha comunque l'obiettivo di conferire un riconoscimento agli imprenditori.

29 agosto 2019
Proroga dei versamenti: il calendario per la rateizzazione

L’Agenzia delle Entrate ha reso noti i due modelli contenenti le scadenze delle rate e gli interessi dovuti da coloro che hanno optato per la proroga. I due schemi si riferiscono ai titolari e non titolari di partita Iva.

2 agosto 2019
Aderisci a Confesercenti! Per Te, un'importante ed esclusiva copertura sanitaria gratuita!

Mettiamo a disposizione di tutti i soci Confesercenti una vantaggiosa Copertura sanitaria integrativa esclusiva. Un nuovo servizio di grande valore ed un vantaggio reale nella vita di tutti i giorni in termini economici e di qualità del servizio

1 agosto 2019
Corrispettivi giornalieri. Online i servizi telematici per l’invio

Da mercoledì 31 luglio, sono disponibili nell’area riservata del portale Fatture e Corrispettivi i servizi per l’invio telematico dei corrispettivi da parte degli operatori che, nei primi sei mesi dall'introduzione dell’obbligo, non hanno ancora la disponibilità di un registratore telematico.

31 luglio 2019
Agevolazioni per la riapertura e l’ampliamento di attività nei piccoli comuni

L’articolo 30 ter del Decreto Crescita prevede agevolazioni per la riapertura e l’ampliamento di attività commerciali, artigianali e di servizi nei piccoli comuni. L’incentivo prevede l’erogazione di un contributo calcolato in base ai tributi comunali dovuti.

12 luglio 2019
Decreto Crescita. Tutte le principali novità

La  nuova normativa prevede sgravi e incentivi fiscali, come: super-ammortamento, revisione mini Ires, proroga della rottamazione e saldo e stralcio, modifiche al calendario dei versamenti, proroga al 30 settembre per gli Isa, modifiche al regime dei forfetari, tempo più lungo per presentare la dichiarazione dei redditi, mini-tassa agli sportivi, ecoincentivi. Queste sono solo alcune delle numerose disposizioni a carattere fiscale contenute nel decreto legge n. 34/2019.

1 luglio 2019
Corrispettivi telematici. Grande confusione ed incertezza a pochi giorni dall’obbligo

A pochi giorni dal debutto dell’obbligo della trasmissione telematica dei corrispettivi - che, come noto, avverrà il prossimo 1° luglio -  moltissime imprese stanno incontrando notevoli difficoltà sia nell’installazione dei nuovi registratori telematici sia nell’adeguare l’attuale misuratore fiscale. Inoltre sono necessari interventi alla disciplina dei registratori telematici per soddisfare pienamente le necessità di emissione del nuovo documento commerciale in sostituzione della ricevuta fiscale.

28 giugno 2019
  • Confesercenti Nazionale
  • Confesercenti Toscana
  • Cescot Firenze
  • Fondazione sviluppo urbano
  • Ebct
  • ConfesercentiLab
  • Sistema Gestione Urbana
  • Italia Comfidi
  • Regione Toscana
  • Città Metropolitana di Firenze
  • Comune di Firenze
  • Camera di Commercio

Confesercenti Firenze - piazza Pier Vettori, 8/10 Firenze
Tel.: +39 055 27051 - Fax: +39 055 224096 - C.F. 80023990486

Sito conforme agli standard W3C (World Wide Web Consortium)

Valid XHTML 1.0 Transitional