Legge di Bilancio 2018. Le novità in tema di lavoro

Incentivi all'occupazione

Lavoro

Nella seduta del 23 dicembre 2017 il Senato ha approvato in via definitiva il "Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2018 e bilancio pluriennale per il triennio 2018-2020".

Il provvedimento, pubblicato sul Supplemento Ordinario n. 62 della Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29 dicembre 2017, tra le varie misure, prevede incentivi per l'assunzione dei giovani, potenziamento dello strumento di ricollocazione per favorire il reinserimento nel mondo del lavoro, obbligo di tracciabilità per il pagamento degli stipendi da parte dei datori di lavoro, diverse soglie di reddito per l'accesso al bonus IRPEF di 80 euro, modifiche delle scadenze per le dichiarazioni fiscali e delle detrazioni per i figli.

La legge è entrata in vigore il 1° gennaio 2018.

Vediamo nel dettaglio le novità introdotte in tema di lavoro:

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI DI GIOVANI (ART.1,CC.100-108E 113-114)

Per promuovere l'occupazione giovanile stabile è riconosciuto, per un periodo massimo di 36 mesi, uno sgravio contributivo pari al 50%dei complessivi contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro, con esclusione dei premi INAIL, nel limite massimo di importo pari a 3.000 euro annui, ai datori di lavoro privati che assumono con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato a tutele crescenti lavoratori che non siano stati occupati a tempo indeterminato con il medesimo o con altro datore di lavoro e di età inferiore a 30 anni, a decorrere dal 1° gennaio 2018.

Limitatamente alle assunzioni effettuate entro il 31 dicembre 2018 l’esonero è riconosciuto in riferimento a lavoratori di età inferiore a 35 anni. Non sono ostativi al riconoscimento dell’esonero gli eventuali periodi di apprendistato svolti presso un altro datore di lavoro e non proseguiti in rapporto a tempo indeterminato.

Lo sgravio, nel rispetto del limite di età, spetta anche in caso di:

 

  • prosecuzione, successiva al 31 dicembre 2017, di un contratto di apprendistato in rapporto a tempo indeterminato (a condizione che il lavoratore non abbia compiuto il trentesimo anno di età alla data della prosecuzione). L'esonero si applica per un periodo massimo di 12 mesi;
  • conversione a tempo indeterminato di un contratto a termine (fermo restando il possesso del requisito anagrafico alla data della conversione).

 

La percentuale di esonero sale al 100%, fermo restando il limite massimo di importo pari a 3.000 euro su base annua, nel caso di datori di lavoro privati che assumono a tempo indeterminato a tutele crescenti, entro sei mesi dall'acquisizione del titolo di studio studenti che hanno svolto presso il medesimo datore attività di alternanza scuola-lavoro o periodi di apprendistato per la qualifica e il diploma professionale o in alta formazione.

 

Restano esclusi i contratti di lavoro domestico e i rapporti di apprendistato.

 

L'esonero non è cumulabile con altri esoneri o riduzione delle aliquote di finanziamento previsti dalla normativa vigente, limitatamente al periodo di applicazione degli stessi.

 

AUMENTO DEL CONTRIBUTO DI LICENZIAMENTO (ART.1,C.137)

A decorrere dal 1° gennaio 2018 il contributo di licenziamento per ciascun licenziamento effettuato nell'ambito di una procedura collettiva da parte di un datore di lavoro tenuto alla contribuzione per il finanziamento dell'integrazione salariale straorzi aria aumenta all'82%, in luogo dell’attuale 41%. Sono fatti salvi i licenziamenti effettuati a seguito di procedure di licenziamento collettivo avviate, ai sensi dell'articolo 4 della legge 23 luglio 1991, n. 223, entro il 20 ottobre 2017.

 

SOPPRESSIONE FONDINPS (ART.1,CC.173-174)

Il FONDINPS (forma pensionistica complementare residuale istituita presso l'INPS) viene abrogato e, con decreto, sentite le organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale dei diversi comparti del settore privato, è individuato il fondo pensione negoziale al quale far affluire le quote di TFR maturando dei lavoratori silenti.

 

DEDUCIBILITÀ IRAP LAVORO STAGIONALE (ART.1,C.116)

Per l'anno 2018, per i datori di lavoro è consentita la piena deducibilità dalla base imponibile IRAP del costo del lavoro relativo ad ogni lavoratore stagionale impiegato per almeno 120 giorni per due periodi d'imposta.

 

La deduzione può avvenire a partire dal secondo contratto stipulato con lo stesso datore di lavoro nei due anni successivi alla cessazione del precedente contratto.

 

BONUS 80 EURO (ART.1,C.132)

Aumenta a 24.600 euro il limite massimo di reddito complessivo ammesso per la fruizione del bonus IRPEF pari a 80 euro mensili. Il limite per la fruizione parziale del bonus aumenta da 26.000 a 26.600 euro.

 

DETRAZIONI PER CARICHI DI FAMIGLIA (ART.1,CC.252-253)

A decorrere dal 1° gennaio 2019 è elevata a 4.000 euro la soglia di reddito entro la quale i figli lavoratori entro i 24 anni di età rimangono fiscalmente a carico dei genitori.

 

CALENDARIO FISCALE (ART.1,CC.933-934)

Il calendario fiscale subisce le seguenti modifiche.

E' fissato:

  • al 23 luglio il termine di presentazione al CAF del modello 730;
  • al 31 ottobre il termine di presentazione del modello 770 e del modello CU con reddito che non vanno nel modello 730.

 

I CAF devono trasmettere le dichiarazioni entro:

a) il 29 giugno di ciascun anno, per le dichiarazioni presentate dal contribuente entro il 22 giugno;

b) il 7 luglio di ciascun anno, per le dichiarazioni presentate dal contribuente dal 23 al 30 giugno;

c) il 23 luglio di ciascun anno, per le dichiarazioni presentate dal contribuente dal 1° al 23 luglio.

 

OBBLIGO DI TRACCIABILITÀ DELLE RETRIBUZIONI (ART.1,CC.910-914)

E' previsto l'obbligo per i datori di lavoro di corrispondere con modalità tracciabili le retribuzioni spettanti ai propri lavoratori dipendenti e collaboratori.

 

A far data dal 1 luglio 2018 i datori di lavoro o committenti corrispondono ai lavoratori la retribuzione, nonché ogni anticipo di essa, attraverso una banca o un ufficio postale con uno dei seguenti mezzi:

a) bonifico sul conto identificato dal codice IBAN indicato dal lavoratore;

b) strumenti di pagamento elettronico;

c) pagamento in contanti presso lo sportello bancario o postale dove il datore di lavoro abbia aperto un conto corrente di tesoreria con mandato di pagamento;

d) emissione di un assegno consegnato direttamente al lavoratore o, in caso di suo comprovato impedimento, a un suo delegato.

 

Gli  uffici “Risorse Umane” di Confesercenti Firenze sono a disposizione per ulteriori chiarimenti.

 

 

· 

19 gennaio 2018
Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Condividi su Whatsapp
Condividi su Google Plus
Condividi via posta elettronica
NEWS CORRELATE
Fatture di acquisto. Ridotti i tempi per detrarre l’IVA

Con il D.L. “Fiscale” 2017 sono stati modificati i termini per esercitare il diritto alla detrazione dell’IVA  sulle fatture di acquisto. Con la modifica sono stati ridotti i tempi, ed è necessario porre particolare attenzione nel momento in cui si ricevono le fatture relative all’anno precedente. 

8 febbraio 2018
Settimana Nazionale della Prevenzione Oncologica 2018 LILT

Una iniziativa che la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori (LILT), Ente pubblico che opera sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica, realizzerà in occasione della campagna nazionale che sarà promossa nel mese di marzo in tutto il Paese

24 gennaio 2018
Ue, stop a costi extra sui pagamenti con carte di credito

Le nuove norme rafforzano anche i diritti dei consumatori: in caso di furto o frodi con carte o bancomat, il cliente fino ad oggi era tenuto a pagare 150 euro per operazioni che non riconosceva, effettuate prima della sua denuncia. Ora la sua responsabilità scende a 50 euro 

24 gennaio 2018
Confesercenti Firenze: da sempre a sostegno della piccola e media impresa

Confesercenti Metropolitana di Firenze rappresenta e tutela le attività imprenditoriali del territorio, affiancandole con servizi qualificati, in grado di rispondere alle esigenze dell’impresa moderna offrendo nuove opportunità di sviluppo.

24 gennaio 2018
Legge di Bilancio 2018. Le novità per le Partite Iva

La legge di bilancio 2018 contiene numerose disposizioni tributarie riservate alle imprese. Da sottolineare, l’istituzione di diversi nuovi crediti d’imposta.

22 gennaio 2018
'La migliore tazzina di Firenze'. Una iniziativa nata dalla collaborazione tra Confesercenti e La Nazione

A partire da lunedì 29 gennaio 2018 il quotidiano LA NAZIONE, in collaborazione con Fiepet/Confesercenti proporranno l’iniziativa “LA MIGLIORE TAZZINA DI FIRENZE”, alla quale spero tu vorrai aderire.

18 gennaio 2018
Etichettatura calzature e prodotti tessili

Un’importante novità, volta a riordinare l’apparato sanzionatorio per la violazione delle normative di derivazione europea in materia di etichettature dei prodotti tessili e delle calzature, novità che è entrata  in vigore lo scorso  4 gennaio 2018.

11 gennaio 2018
Da sempre al fianco della piccola e media impresa. Aderire a Confesercenti conviene

Confesercenti è l’associazione che risulta utile a migliaia di imprese che vogliono rimanere sul mercato, che hanno la volontà di crescere e svilupparsi e, per fare questo, hanno bisogno di informazioni, consulenze specialistiche e un’assistenza continua. 

10 gennaio 2018
Imprese: Aiuti a progetti di efficientamento energetico degli immobili

Eurosportello Confesercenti in collaborazione con la Regione Toscana organizza un evento di promozione del Bando FESR - Aiuti a progetti di efficientamento energetico degli immobili.

9 gennaio 2018
Messa a terra. L’importanza delle verifiche periodiche

L’impianto di messa a terra è la parte dell’impianto elettrico che interviene in caso di guasto ed evita la folgorazione la folgorazione delle persone; per questo motivo è di vitale importanza mantenere efficienti i dispositivi che compongono l’impianto di terra.

8 gennaio 2018
SISTRI, rinvio al 2019

SISTRI, rinvio al 2019. Sopravvive il regime cartaceo e lo stop alle sanzioni , con un emendamento alla legge di Bilancio 2018 il “doppio binario” per il sistema di tracciabilità dei rifiuti è stato prorogato al 31 dicembre 2018.

8 gennaio 2018
Canone Rai speciale. Importi e modalità per dare disdetta

Canone Rai speciale 2018 per aziende, imprese hotel alberghi negozi esercizi pubblici commerciali importi e come dare la disdetta dell'abbonamento tv

4 gennaio 2018
Sacchetti a pagamento, il “Day After”

Importante: necessario abilitare registratore di cassa (costo medio 20 Euro)

Necessario un incontro al MISE per valutare attuazione provvedimento

4 gennaio 2018
Voucher digitalizzazione. Nel 2018 opportunità per le micro/piccole/medie imprese

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 258 del 4 novembre scorso l’Avviso del Ministero dello sviluppo economico, concernente la recente adozione e la disponibilità sul portale www.mise.gov.it dell’atteso Decreto Direttoriale 24 ottobre 2017, recante le modalità e i termini per la presentazione delle domande di accesso al previsto contributo in favore di Imprese di Micro, Piccole e Medie dimensioni per la digitalizzazione dei processi aziendali e l'ammodernamento tecnologico.

20 dicembre 2017
Intervento a favore delle imprese della provincia di firenze per l’installazione di impianti di videosorveglianza e/o impianti di allarme antirapina e di sistemi di videoallarme antirapina collegati con le forze dell’ordine

Sono ammissibili le spese sostenute a partire dal 01.01.2017 e fino al 31.12.2017, per l’installazione e/o l’adeguamento di impianti di videosorveglianza e/o impianti di allarme antirapina 

20 dicembre 2017
  • Confesercenti Nazionale
  • Confesercenti Toscana
  • Cescot Firenze
  • Fondazione sviluppo urbano
  • Ebct
  • ConfesercentiLab
  • Sistema Gestione Urbana
  • Italia Comfidi
  • Regione Toscana
  • Città Metropolitana di Firenze
  • Comune di Firenze
  • Camera di Commercio

Confesercenti Firenze - piazza Pier Vettori, 8/10 Firenze
Tel.: +39 055 27051 - Fax: +39 055 224096 - C.F. 80023990486

 

Design by Edimedia Srl

Sito conforme agli standard W3C (World Wide Web Consortium)

Valid XHTML 1.0 Transitional