Legge di Bilancio 2018. Le novità per tutti i contribuenti

Le disposizioni tributarie di interesse diffuso

Fiscale

Nella legge di bilancio sono tante le disposizioni tributarie di interesse diffuso, che possono riguardare tutte le tipologie di contribuenti.

Vediamo brevemente i più rilevanti.

 
Nuovo calendario fiscale


Introdotti nuovi termini per alcuni importanti appuntamenti dichiarativi:

  • per la comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute (spesometro) relative al secondo trimestre (ovvero al primo semestre per chi sceglie la periodicità semestrale, facoltà riconosciuta dal “collegato fiscale”), la data ultima è spostata dal 16 al 30 settembre
  • per la presentazione delle dichiarazioni dei redditi e dell’Irap, il termine del 30 settembre è spostato al 31 ottobre (fino a quando resterà in vigore l’adempimento dello spesometro)
  • slitta dal 31 luglio al 31 ottobre il termine per presentare la dichiarazione dei sostituti d’imposta modello 770 e per trasmettere in via telematica le Certificazioni uniche contenenti esclusivamente redditi esenti o non dichiarabili mediante la dichiarazione precompilata
  • passa dal 7 luglio al 23 luglio il termine per presentare il modello 730 a un Caf-dipendenti.

I Caf dipendenti e i professionisti abilitati, fermo restando il termine del 10 novembre per la trasmissione delle dichiarazioni integrative, devono concludere le proprie attività (comunicare all’Agenzia delle entrate il risultato finale delle dichiarazioni e trasmetterle le dichiarazioni predisposte, consegnare al contribuente copia della dichiarazione e il prospetto di liquidazione) entro il:

  • 29 giugno, per le dichiarazioni presentate dal contribuente entro il 22 giugno
  • 7 luglio, per le dichiarazioni presentate dal contribuente dal 23 al 30 giugno
  • 23 luglio, per le dichiarazioni presentate dal contribuente dal 1° al 23 luglio.

Figli a carico


A partire dal 1° gennaio 2019, per i figli di età non superiore a 24 anni, il limite di reddito complessivo per essere considerati fiscalmente a carico è elevato a 4mila euro.

 
Canone tv

Viene estesa al 2018 la riduzione del canone tv per uso privato da 100 a 90 euro, già applicata nel 2017.
 
Abbonamenti al trasporto pubblico


Torna, a regime, la detrazione Irpef del 19% per le spese, fino a un massimo di 250 euro, sostenute per l’acquisto degli abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale.
Inoltre, viene stabilito che le somme erogate o rimborsate alla generalità o a categorie di dipendenti dal datore di lavoro o le spese da quest’ultimo direttamente sostenute, volontariamente o in conformità a disposizioni di contratto, di accordo o di regolamento aziendale, per l’acquisto degli abbonamenti per il trasporto pubblico locale, regionale e interregionale del dipendente e dei suoi familiari non concorrono a formare reddito di lavoro.

 
Acquisto di uno strumento musicale


Esteso al 2018 il contributo una tantum pari al 65% del prezzo finale, per un massimo di 2.500 euro, per l’acquisto di uno strumento musicale nuovo, coerente con il corso di studi, riconosciuto agli studenti iscritti ai licei musicali e agli studenti iscritti ai corsi preaccademici, ai corsi del precedente ordinamento e ai corsi di diploma di I e di II livello dei conservatori di musica, degli istituti superiori di studi musicali e delle istituzioni di formazione musicale e coreutica autorizzate a rilasciare titoli di alta formazione artistica, musicale e coreutica.


 
Pagamenti delle pubbliche amministrazioni


A decorrere dal 1° marzo 2018 si riduce da 10mila a 5mila euro la soglia oltre la quale le amministrazioni pubbliche e le società a prevalente partecipazione pubblica, prima di effettuare pagamenti a qualunque titolo, devono verificare se il beneficiario è inadempiente all’obbligo di versamento derivante dalla notifica di una o più cartelle di pagamento per un ammontare complessivo pari almeno a quell’importo.
 
Compensazioni “sospette”


Si stabilisce che l’Agenzia delle entrate può sospendere, fino a trenta giorni, l’esecuzione delle deleghe di pagamento contenenti compensazioni che presentano profili di rischio, per controllare l’utilizzo del credito.
 
Clausole di salvaguardia


Completata la sterilizzazione degli aumenti delle aliquote Iva per il 2018 e delle accise per il 2019, già parzialmente operata dal Dl 148/2017. Rimodulati gli aumenti Iva e accise per gli anni successivi.
 
Tributi regionali e locali


Anche per il 2018:

  • viene sospesa l’efficacia delle leggi regionali e delle deliberazioni degli enti locali nella parte in cui prevedono aumenti dei tributi e delle addizionali attribuiti alle regioni e agli enti locali con legge dello Stato rispetto ai livelli di aliquote o tariffe applicabili per il 2015. La sospensione non si applica: ai Comuni istituiti a seguito di fusione e a quelli in predissesto o dissesto finanziario; nelle Regioni in situazione di disavanzo sanitario; in riferimento alla Tari e alle tariffe di natura patrimoniale
  • i Comuni possono confermare la stessa maggiorazione Tasi già prevista per il 2016 e il 2017.

Calcolo della Tari


Prorogata al 2018 la modalità di commisurazione della Tari da parte dei comuni fondato su un criterio medio-ordinario (cioè in base alle quantità e qualità medie ordinarie di rifiuti prodotti per unità di superficie in relazione agli usi e alla tipologia di attività svolte) e non sull’effettiva quantità di rifiuti prodotti.
 

 
Rivalutazione terreni e partecipazioni


È possibile rideterminare il costo di acquisto dei terreni e delle partecipazioni posseduti al 1° gennaio 2018. Il termine di versamento dell’imposta sostitutiva all’8% è fissato al 30 giugno 2018, con possibilità, comunque, di pagare in tre rate annuali di pari importo. La perizia di stima dovrà essere redatta e asseverata entro la stessa data.

 
Redditi di capitale e redditi diversi derivanti da partecipazioni qualificate

 

I redditi di capitale e i redditi diversi conseguiti da persone fisiche, al di fuori dell’esercizio di attività d’impresa, per effetto del possesso e della cessione di partecipazioni societarie qualificate vanno assoggettati a ritenuta a titolo d’imposta del 26% (la medesima aliquota prevista per le partecipazioni non qualificate).

 
Compensi da attività musicali e attività sportive dilettantistiche


Viene elevato da 7.500 a 10mila euro il limite dell’importo che non concorre a formare il reddito imponibile delle indennità, dei rimborsi forfettari, dei premi e dei compensi erogati ai direttori artistici e ai collaboratori tecnici per prestazioni di natura non professionale, nonché di quelli erogati nell’esercizio diretto di attività sportive dilettantistiche.

 
Bonus 80 euro


Ampliata la platea dei beneficiari del bonus 80 euro attraverso l’aumento della soglia reddituale prevista per l’accesso all’agevolazione: si passa da 24mila a 24.600 euro; il bonus, poi, si annulla a fronte di un reddito complessivo almeno pari a 26.600 euro (in luogo dei previgenti 26.000 euro).

23 gennaio 2018
Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Condividi su Whatsapp
Condividi su Google Plus
Condividi via posta elettronica
NEWS CORRELATE
Fatture di acquisto. Ridotti i tempi per detrarre l’IVA

Con il D.L. “Fiscale” 2017 sono stati modificati i termini per esercitare il diritto alla detrazione dell’IVA  sulle fatture di acquisto. Con la modifica sono stati ridotti i tempi, ed è necessario porre particolare attenzione nel momento in cui si ricevono le fatture relative all’anno precedente. 

8 febbraio 2018
Bonus giardini e lavaggi auto. Ecco i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

Quanto al bonus verde, l’Agenzia ricorda che deve essere considerato anche quanto detto nella relazione alla legge di Bilancio, che parla di interventi straordinari di sistemazione a verde di aree scoperte di pertinenza delle unità immobiliari private di qualsiasi genere 

26 gennaio 2018
Per imprese e professionisti superammortamento del 130% nel 2018 anche per l’acquisto di autocarri

Nel 2018 possono beneficiare del superammortamento anche gli autocarri, in quanto l’articolo 1, comma 29, della legge 205/2017 esclude solo i veicoli e gli altri mezzi di trasporto di cui all’articolo 164, comma 1, del Tuir e quest’ultimo articolo non comprende gli autocarri.

 

26 gennaio 2018
Legge di Bilancio 2018. Le novità del 'pacchetto casa'

Bonus energetico cedibile anche in caso di lavori sul singolo appartamento. Debutto assoluto della detrazione del 36% per le spese finalizzate a interventi di “sistemazione a verde”

25 gennaio 2018
Ue, stop a costi extra sui pagamenti con carte di credito

Le nuove norme rafforzano anche i diritti dei consumatori: in caso di furto o frodi con carte o bancomat, il cliente fino ad oggi era tenuto a pagare 150 euro per operazioni che non riconosceva, effettuate prima della sua denuncia. Ora la sua responsabilità scende a 50 euro 

24 gennaio 2018
Confesercenti Firenze: da sempre a sostegno della piccola e media impresa

Confesercenti Metropolitana di Firenze rappresenta e tutela le attività imprenditoriali del territorio, affiancandole con servizi qualificati, in grado di rispondere alle esigenze dell’impresa moderna offrendo nuove opportunità di sviluppo.

24 gennaio 2018
Dagli studi di settore agli ISA. Ecco come cambia il rapporto tra fisco ed imprese

Gli indici sintetici di affidabilità fiscale sono stati introdotti dal decreto legge 50/2017 con l’obiettivo da parte dell’Agenzia delle Entrate di  favorire l’assolvimento degli obblighi tributari da parte dei contribuenti, contribuire all’emersione delle basi imponibili e rafforzare le forme della collaborazione con l’Amministrazione Finanziaria anche con utilizzo di comunicazione preventiva.

22 novembre 2017
  • Confesercenti Nazionale
  • Confesercenti Toscana
  • Cescot Firenze
  • Fondazione sviluppo urbano
  • Ebct
  • ConfesercentiLab
  • Sistema Gestione Urbana
  • Italia Comfidi
  • Regione Toscana
  • Città Metropolitana di Firenze
  • Comune di Firenze
  • Camera di Commercio

Confesercenti Firenze - piazza Pier Vettori, 8/10 Firenze
Tel.: +39 055 27051 - Fax: +39 055 224096 - C.F. 80023990486

 

Design by Edimedia Srl

Sito conforme agli standard W3C (World Wide Web Consortium)

Valid XHTML 1.0 Transitional