Nuova modalità presentazione Domanda ANF

Le istruzioni INPS

Paghe

Assegno per il nucleo familiare per i lavoratori dipendenti di aziende attive del settore privato non agricolo

Nuove modalità di presentazione della domanda. Istruzioni INPS

Con la circolare n. 45 del 22 marzo 2019 l’INPS ha comunicato che a decorrere dal 1 aprile 2019 le domande di assegno per il nucleo familiare dei lavoratori dipendenti di aziende attive del settore privato non agricolo devono essere presentate direttamente all’INPS, esclusivamente in modalità telematica, al fine di garantire all’utenza il corretto calcolo dell’importo spettante e assicurare una maggiore aderenza alla normativa vigente in materia di protezione dei dati personali. Ne consegue che le domande per la prestazione familiare sinora presentate dai lavoratori interessati ai propri datori di lavoro utilizzando il modello “ANF/DIP” (SR16), a decorrere dalla predetta data, devono essere presentate esclusivamente all’INPS.

Le domande già presentate al datore di lavoro fino alla data del 31 marzo 2019 con il modello “ANF/DIP”, per il periodo compreso tra il 1° luglio 2018 ed il 30 giugno 2019 o a valere sugli anni precedenti, non devono essere reiterate, ma saranno gestite dai datori di lavoro. 

Le domande presentate in via telematica all’INPS, a decorrere dal 1° aprile 2019, saranno istruite dall’Istituto per la definizione del diritto e della misura della prestazione familiare richiesta. Nell’ambito di tale istruttoria saranno individuati gli importi giornalieri e mensili teoricamente spettanti in riferimento alla tipologia del nucleo familiare e del reddito conseguito negli anni precedenti.

Al cittadino richiedente saranno inviati esclusivamente gli eventuali provvedimenti di reiezione.

L’utente potrà prendere visione dell’esito della domanda presentata accedendo con le proprie credenziali alla specifica sezione “Consultazione domanda”, disponibile nell’area riservata.

In caso di variazione nella composizione del nucleo familiare, o nel caso in cui si modifichino le condizioni che danno titolo all’aumento dei livelli di reddito familiare, il lavoratore interessato deve presentare, esclusivamente in modalità telematica, una domanda di variazione per il periodo di interesse, avvalendosi della procedura “ANF DIP”.

Nei casi previsti dalle disposizioni vigenti in materia di rilascio dell’Autorizzazione agli assegni per il nucleo familiare il lavoratore, o il soggetto interessato, che presenta la domanda di “ANF DIP” deve comunque presentare la domanda di autorizzazione tramite l’attuale procedura telematica “Autorizzazione ANF”, corredata della documentazione necessaria per definire il diritto alla prestazione stessa.

In caso di accoglimento, stante le nuove istruzioni vigenti a decorrere dal 1° aprile 2019, al cittadino richiedente non verrà più inviato il provvedimento di autorizzazione (modello “ANF43”), come finora previsto, ma si procederà alla successiva istruttoria della domanda di “ANF DIP”, da parte della Struttura territoriale compente, secondo le nuove modalità operative in atto dal 1° aprile 2019. In caso di reiezione, invece, sarà inviato al richiedente il relativo provvedimento (modello “ANF58).

 

Modalità di presentazione della domanda per lavoratori dipendenti di aziende attive del settore privato non agricolo

 

La domanda di assegno per il nucleo familiare deve essere presentata dal lavoratore all’INPS, esclusivamente in via telematica, mediante uno dei seguenti canali:

WEB, tramite il servizio on-line dedicato, accessibile dal sito www.inps.it, se in possesso di PIN dispositivo, di una identità SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) almeno di Livello 2 o CNS (Carta Nazionale dei Servizi). Il servizio sarà disponibile dal 1° aprile 2019;

Patronati e intermediari dell’Istituto, attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi, anche se non in possesso di PIN.

 

Nel caso in cui il datore di lavoro non sia più attivo, in quanto cessato o fallito, il lavoratore dovrà fare richiesta di pagamento diretto all’Istituto, nel limite della prescrizione quinquennale; in questi casi la relativa domanda telematica deve essere presentata all’Istituto, attraverso uno dei seguenti canali:

WEB, tramite il servizio on-line dedicato, accessibile dal cittadino munito di PIN dispositivo, SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) almeno di Livello 2 o CNS (Carta Nazionale dei Servizi), dal sito Internet dell’Istituto al seguente percorso: “Invio OnLine di domande di prestazioni a sostegno del reddito” > “Funzione ANF Ditte cessate e Fallite”;

Contact Center multicanale, chiamando da telefono fisso il numero verde gratuito 803 164 o da telefono cellulare il numero 06 164164, a pagamento in base al piano tariffario del gestore telefonico, se in possesso di PIN;

Patronati e intermediari dell’Istituto, attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi, anche se non in possesso di PIN.

 

Istruzioni per i datori di lavoro con dipendenti del settore privato non agricolo.

 

1 Gestione delle domande presentate in modalità telematica all’INPS a decorrere dal 1° aprile 2019

 

Gli importi calcolati dall’Istituto (come descritto al precedente paragrafo) saranno messi a disposizione del datore di lavoro, che potrà prenderne visione attraverso una specifica utility, disponibile dal 1° aprile 2019, presente nel Cassetto previdenziale aziendale, con specifica indicazione del codice fiscale del lavoratore ed eventualmente di quello del richiedente, qualora i due soggetti non coincidano (ad esempio nel caso di madre separata senza posizione tutelata, che chiede la prestazione sulla posizione lavorativa dell’altro genitore).

Sulla base degli importi teoricamente spettanti, così come individuati dall’Istituto, il datore di lavoro dovrà calcolare l’importo effettivamente spettante al richiedente, in relazione alla tipologia di contratto sottoscritto e alla presenza/assenza del lavoratore nel periodo di riferimento. La somma corrisposta mensilmente non potrà comunque eccedere quella mensile indicata dall’Istituto. Il datore di lavoro erogherà gli importi per la prestazione familiare con le consuete modalità, unitamente alla retribuzione mensile, e provvederà al relativo conguaglio con le denunce mensili.

Qualora il lavoratore abbia richiesto assegni per il nucleo familiare arretrati, il datore di lavoro potrà pagare al lavoratore e conguagliare attraverso il sistema Uniemens esclusivamente gli assegni relativi ai periodi di paga durante i quali il lavoratore è stato alle sue dipendenze. Pertanto, le prestazioni familiari relative ad anni precedenti, per periodi lavorativi alle dipendenze di un datore di lavoro diverso da quello attuale, dovranno essere liquidate dal datore di lavoro presso cui il lavoratore prestava la propria attività lavorativa nel periodo richiesto.

 

2 Gestione delle domande presentate in modalità cartacea al datore di lavoro fino alla data del 31 marzo 2019

 

Nel periodo compreso fra il 1° aprile 2019 e il 30 giugno 2019, i datori di lavoro potranno erogare le prestazioni di assegno per il nucleo familiare, e procedere al relativo conguaglio, sulla base sia di domande cartacee presentate dal lavoratore al datore di lavoro entro e non oltre il 31 marzo 2019, sia di domande telematiche presentate all’INPS dal 1° aprile 2019.

Per gli assegni per il nucleo familiare presentati in via telematica all’INPS, il datore di lavoro dovrà operare sulla base delle istruzioni fornite al precedente paragrafo 1.

Per gli assegni per il nucleo familiare presentati in modalità cartacea direttamente al datore di lavoro fino alla data del 31 marzo 2019, il datore di lavoro dovrà, secondo le modalità sinora utilizzate, calcolare l’importo dovuto sulla base delle dichiarazioni presenti nell’istanza, liquidare gli assegni ed effettuare il relativo conguaglio al più tardi in occasione della denuncia Uniemens relativa al mese di giugno 2019.

Dopo la predetta data non sarà più possibile effettuare conguagli per assegni per il nucleo familiare che non siano stati richiesti con le nuove modalità telematiche.

L’Ente ha inoltre precisato che con successivi messaggi saranno illustrate le nuove modalità di compilazione del flusso Uniemens nei casi di conguaglio di assegni per il nucleo familiare arretrati e le caratteristiche dell’utility di cui al precedente paragrafo, nonché fornite le istruzioni per la gestione, da parte delle Strutture territoriali dell’Istituto, delle istanze presentate in via telematica.

 

Per ulteriori informazioni vi invitiamo a contattare gli Uffici Gestione Risorse Umane di Confesercenti Firenze.

26 marzo 2019
Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Condividi su Whatsapp
Condividi su Google Plus
Condividi via posta elettronica
NEWS CORRELATE
Storico Mercato Centrale di Firenze, Inzuppiamoci e molto altro

Venerdì 5 aprile scorso ho avuto la fortuna di prendere parte, assieme al gruppo dirigente di Confesercenti Firenze, all’ormai immancabile appuntamento con “INZUPPIAMOCI”, la grande manifestazione a carattere prevalentemente culinario che mette insieme i commercianti dello Storico Mercato Centrale, le trattorie fiorentine e tutta la comunità del Quartiere.

10 aprile 2019
Vendite dettaglio: Confesercenti, situazione ancora in stallo, spesa famiglie debole

Situazione ancora in stallo per le vendite al dettaglio: il dato di febbraio registra, infatti, un peggioramento rispetto al mese precedente, anche per quanto riguarda il dato in volume.

10 aprile 2019
Trippa. Lo street food fiorentino tra tradizione ed innovazione

Se si pensa alla cucina tipica fiorentina viene subito in mente trippa e lampredotto, due cibi della tradizione popolare e “da strada”; due alimenti dai sapori molto forti e caratteristici famosi in tutto il mondo e che costituiscono parte integrante della  storia, ineguagliabile, della nostra città.

10 aprile 2019
La sede Confesercenti Sesto Fiorentino passa dal secondo al primo piano dello stesso edificio

La sede Confesercenti di Sesto Fiorentino si è spostata dal secondo al primo piano dello stesso edificio in Via Corsi Salviati 25.

9 aprile 2019
Negozi in città, il Centro Commerciale Naturale si fa più grande: accordo tra Comune e Città Futura

Il tessuto commerciale del centro cittadino, che storicamente ha riunito nel consorzio Città Futura (che ne cura la promozione) i negozi del corso pedonale di via Pascoli, della zona di piazza del Mercato e dell'asse urbano fino a piazza Matteotti, allarga i suoi confini e va ad integrare le attività di vendita anche delle zone lungo le direttrici di via Roma e via Paoli, di via Monti, di via Foscolo e di via San Bartolo in Tuto, delle zone di via Galilei e Luzi, oltre a tutti gli esercizi di piazza Resistenza, riunendo così al suo interno anche i negozi de La Maschera. 

18 marzo 2019
Più qualità nel commercio: una nuova Legge Nazionale per le botteghe delle nostre città

Negli ultimi anni si sono affermati due caratteri di fondo che impediscono di governare il commercio: la liberalizzazione delle autorizzazioni e il progressivo esautoramento della storica  funzione dei Comuni in merito alla possibilità di assumere provvedimenti in tal senso.

18 marzo 2019
Tante novità (anche a Firenze) con la nuova Legge Regionale sul Commercio!

Grande partecipazione di imprese, dirigenti e amministratori pubblici dei Comuni della Provincia di Firenze stamattina presso la sede Confesercenti di Piazza Pier Vettori per il seminario promosso dalla nostra associazione di categoria a pochi mesi dall’entrata in vigore del nuovo Codice Regionale del Commercio.

15 marzo 2019
Contratti di affitto per uso commerciale. Estesa la cedolare secca

La Legge di Bilancio 2019 ha esteso ai contratti di affitto per uso commerciale (C/1) la possibilità della cedolare secca

13 marzo 2019
Tax credit alberghi e agriturismi. Credito d’imposta del 65% per interventi di riqualificazione

Si fa presente che, a seguito del trasferimento di competenze dal Ministero per i beni e le attività culturali al Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, si è resa necessaria la riprogettazione della procedura di inoltro delle istanze relative alla partecipazione al Tax Credit Riqualificazione.

20 febbraio 2019
Indennizzo per la cessazione definitiva dell'attività commerciale

E' stato reintrodotto l’indennizzo per chi cessa definitivamente l’attività commerciale.

13 febbraio 2019
Legge di bilancio 2019. Le norme di interesse per le PMI

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, la L. 145/2018 (Legge di bilancio 2019) è entrata in vigore lo scorso 1° gennaio.

18 gennaio 2019
Confesercenti, la campagna tesseramento 2019

Copertura sanitaria, tecnologia blockchain, agevolazioni per il credito, convenzioni esclusive e vantaggiose nel settore bancario, assicurativo e automobilistico grazie a partner del calibro di UniSalute e BNL Gruppo BNP Paribas. Sono questi i vantaggi per gli Associati al centro della Campagna di Confesercenti per il tesseramento 2019.

16 gennaio 2019
Fattura Elettronica. Per la gestione della tua contabilità scegli Confesercenti, e prendi solo i vantaggi!

L'offerta che Confesercenti Firenze propone per i servizi fiscali e tributari è estremamente qualificata, studiata appositamente per le esigenze della tua impresa e in sintonia con le innovazioni che verranno introdotte.

6 luglio 2018
Privacy, con Confesercenti è più facile!

Il 25 maggio, come sicuramente saprete, è entrato in vigore il nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali GDPR (General Data Protection Regulation) che prevede, tra l’altro, anche un nuovo regime sanzionatorio per le imprese.

30 maggio 2018
  • Confesercenti Nazionale
  • Confesercenti Toscana
  • Cescot Firenze
  • Fondazione sviluppo urbano
  • Ebct
  • ConfesercentiLab
  • Sistema Gestione Urbana
  • Italia Comfidi
  • Regione Toscana
  • Città Metropolitana di Firenze
  • Comune di Firenze
  • Camera di Commercio

Confesercenti Firenze - piazza Pier Vettori, 8/10 Firenze
Tel.: +39 055 27051 - Fax: +39 055 224096 - C.F. 80023990486

Sito conforme agli standard W3C (World Wide Web Consortium)

Valid XHTML 1.0 Transitional